Ultime notizie

ECONOMIA

Aumento 12% in Kenya per salari minimi dei dipendenti

Tutte le categorie medio-basse, da houseboy ad askari e giardinieri

03-05-2022 di redazione

Il Presidente Uhuru Kenyatta ha scelto la festa del primo maggio per sfoderare una decisione che sa tanto di propaganda elettorale ma che era attesa dai lavoratori keniani da tre anni.
Kenyatta ha deliberato l’aumento del 12% sui salari minimi mensili di tutti i dipendenti, sorvolando sulle proteste dei datori di lavoro ed ottenendo un plauso dalle categorie dei lavoratori meno pagati.
Ad usufruire maggiormente di questo aumento saranno gli askari (i guardiani di case ed attività), gli autisti, gli addetti alle pulizie, gli houseboy, i camerieri e cassieri ed altri.
L’obbligo di aumento rispetto al minimo sindacale è invigore dall’inizio del mese, quindi dovrà essere già presente sui pagamenti degli stipendi al prossimo 31 maggio.
In effetti questa decisione era nell’aria da tempo, in questo l’inflazione negli ultimi tre anni è aumentata del 6% e si prevede quest’anno un’ulteriore impennata. L’aumento dei prezzi dei beni di prima necessità ha messo ulteriormente in difficoltà le fasce medio-basse del paese che non si sono sentite tutelate, specialmente nel periodo critico della pandemia. I prezzi degli articoli essenziali, tra cui il sapone, il gas e l'olio da cucina, così come i prodotti alimentari come la farina di grano e le cipolle, sono aumentati fino al 41% nell'ultimo anno.
Questo ha costretto molte famiglie, specialmente nel segmento a basso reddito, a ridurre il loro paniere di spesa in un ambiente in cui le aziende hanno congelato i salari mentre si riprendono dalle difficoltà economiche di Covid-19 e combattono le interruzioni della catena di approvvigionamento globale rese più dolorose dalla guerra in Ucraina.
“Nel pieno apprezzamento del contributo fondamentale dei lavoratori all'economia e a seguito della raccomandazione di varie parti interessate – ha detto Kenyatta durante il discorso del 1 maggio - troviamo che sia il caso di rivedere i salari minimi in modo da ammortizzare i nostri lavoratori contro l'ulteriore erosione del loro potere d'acquisto, garantendo nel contempo anche la competitività della nostra economia. Non c'è dubbio che il costo della vita in tutto il mondo è salito alle stelle a causa del Covid 19 e di conseguenza... dei conflitti in corso in Ucraina e in Russia. Sappiamo che la nostra gente vorrebbe che facessimo di più, noi lavoriamo per la sostenibilità ed in questo momento quel che possiamo fare è aiutarli aumentando i salari delle categorie più vulnerabili”.
L’aumento più significativo dei salari minimi era avvenuto sempre a ridosso delle elezioni, quelle passate del 2017, ed era stato del 18%.

Nelle grandi città, il salario minimo medio per un operaio generico, come le categorie sopra descritte, ora salirà da Kes.13.572,90, a Kes.15.201,64.

Salirà anche la paga minima dei receptionist (da Kes. 20.904 a 23.413) e quelle delle guardie di sicurezza notturne, dei conducenti di veicoli pesanti e dei cassieri dei supermercati.

Non è d’accordo, chiaramente, la Federazione Keniana dei Datori di Lavoro (FKE), che pur adeguandosi alle direttive del Capo dello Stato, denuncia l’ennesimo ostacolo alla ripresa economica dopo la pandemia,

“Questo aumento dei salari minimi porterà inevitabilmente a limitare il numero di nuove assunzioni – ha spiegato la direttrice del FKE, Jacqueline Mugo – riuscire a stabilizzare la nostra economia significa poter creare nuovi posto di lavoro. L'occupazione è una grande sfida per questo paese e abbiamo bisogno di trovare costantemente un equilibrio tra l'aumento dei salari e l'assunzione di più lavoratori".

TAGS: lavoratoristipendisalarihouseboyaskariaumentiinflazione

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Dopo la promessa del Presidente Kenyatta di aumentare i salari minimi dei dipendenti keniani del 18% e il rilancio dei sindacati che vorrebbero un aumento del 22% (probabile si possa trovare l'intesa intorno al 20), alcuni lettori ci hanno chiesto...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Che sia una mossa elettorale o meno, quel che è importante per oltre 15 milioni di lavoratori che ne sono interessati, in Kenya da domani il salario minimo viene aumentato del 18%. Lo ha annunciato il Presidente Uhuru Kenyatta durante...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'aumento dei salari minimi nazionali promessi dal presidente del Kenya Uhuru Kenyatta durante i festeggiamenti del 1 maggio sono già realtà.
Il decreto legge firmato 1 maggio 2017 che porta il nome del Ministro del Lavoro Phyllis Kandie propone tutti...

CLICCA QUI PER SCARICARE IL DOCUMENTO

Alcune precisazioni sui nuovi aumenti dei salari minimi per dipendenti in Kenya.
Riguardo alle tabelle ufficiali che il nostro portale ha messo a disposizione e sicuramente non facilissime da leggere (oltre alla lingua, non vengono specificati bene ruoli e fasce...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L’aumento esponenziale dell’inflazione dall’inizio dell’anno in Kenya ha portato ad un’anarchia dei prezzi dei...

LEGGI L'ARTICOLO

L’autunno porta sempre in dono i malanni non curati nella stagione precedente e affievoliti...

LEGGI L'ARTICOLO

Attendiamo di poter scrivere il tuo nome.
Sì, proprio il tuo, di te che stai leggendo.
Tu che frequenti il Kenya, che...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sarebbero già 3.434 i lavoratori stranieri illegali in Kenya, tra quelli che non si sono presentati entro lo scorso 21 luglio negli uffici dell'Immigration di Nairobi. Erano stati

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Quanto può costare veramente vivere a Malindi e Watamu senza lavorare?
Con quanto un pensionato o chi ha una rendita può campare ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il ritorno del turismo in Kenya non può che far bene sotto molti aspetti, anche se non sarà mai la soluzione...

LEGGI L'ARTICOLO

La notizia è di quelle che fanno ben sperare per la ripresa del turismo italiano nella costa nord del Kenya, a Watamu, Malindi e Mambrui.
Con l'arrivo di un buon numero di villeggianti, nelle due settimane centrali di agosto, si...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una lunga spiaggia bianca dove potersi semplicemente rilassare, buone...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Malindi, per chi è rimasto in Kenya o risiede normalmente a Nairobi ed in altre zone del ...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Ci risiamo, gli insegnanti del Kenya hanno lanciato l’ennesimo ultimatum alla Teacher Service Commission...

LEGGI L'ARTICOLO

E terminato sabato scorso, 21 luglio, come da programmi, il periodo di due mesi di verifica dei permessi di lavoro per gli stranieri in Kenya (Work Permit).
La verifica, avvenuta esclusivamente negli appositi uffici di Nyayo House a Nairobi, è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un palazzo nel centro di Malindi è collassato durante le forti piogge della notte.
Una struttura...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO