Ultime notizie

NEWS

Il Kenya deve scommettere sul pesce

L'acquacoltura può sfamare e dare lavoro

19-05-2022 di redazione

Tutto il mondo guarda ai paesi che hanno chilometri di coste, ma anche grandi bacini d’acqua dolce. I cambi climatici mettono in crisi la terra e le coltivazioni, e il mare diventa una risorsa sempre più importante per il nutrimento della popolazione mondiale.
La FAO stima che entro il 2030 l’uomo consumerà oltre 30 milioni di tonnellate di pesce all’anno e che la pesca di cattura da sola non può soddisfare la domanda, da qui la necessità di una rapida espansione dell’acquacoltura. Il Kenya rappresenta una grande opportunità, dato che è uno dei paesi che si affacciano direttamente sull’oceano indiano, uno dei mari più pescosi della Terra. Tuttavia, l’Africa subsahariana ha quantità limitate di produzione dell’acquacoltura per soddisfare la domanda di pesce. Questo divario tra domanda e offerta crea eccellenti opportunità, soprattutto per il settore dell’acquacoltura keniota, sulla base di condizioni climatiche favorevoli e di vaste quantità di aree adatte alla produzione dell’acquacoltura.
Il Kenya può e deve sfruttare al meglio gli oltre 1,14 milioni di ettari di costa, fiumi e laghi, una vastissima rete di risorse acquatiche. L’attuale produzione ittica annuale in Kenya è di 400.000 tonnellate, mentre la domanda annuale è di 600.000 tonnellate. Oltre a questo considerevole deficit di produzione, il livello di consumo di pesce è di soli 4 kg pro capite all’anno, molto al di sotto della media globale di 20 kg. Al fine di aumentare il livello di consumo di pesce e frenare la denutrizione, è importante creare consapevolezza sui benefici per la salute del pesce, in particolare per donne e bambini, poiché il pesce contiene alti livelli di nutrienti benefici come zinco e ferro.
Secondo la FAO, il paese potrebbe arrivare addirittura ad una produzione di 11 milioni di tonnellate di pesce all’anno.
Sono molte le sfide da affrontare, dalle infrastrutture, anche a livello di piccoli produttori, ai mangini efficaci ed economici. E’ assurdo che il Kenya li debba importare, quando avrebbe la possibilità di produrli. Ma l’acquacoltura è sicuramente una delle possibilità più grandi e futuribili per sfamare e allo stesso tempo dare lavoro a migliaia di keniani.

TAGS: pesceallevamentooceanofame

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Il venerdì sera uno degli appuntamenti storici e fissi delle serate di Malindi è la Barbecue...

LEGGI L'ARTICOLO

Finalmente, con l’estensione dell’apertura serale dei locali, torna uno degli appuntamenti storici ...

LEGGI L'ARTICOLO

Il weekend del Driftwood di Malindi, storico e affascinante club fondato dagli inglesi ma ormai...

LEGGI L'ARTICOLO

La notizia del film che Spielberg avrebbe girato a Malindi era un pesce d'Aprile di Malindikenya.net, WAC, Watamukenya.net e Kenyaoggi.
Tutti i siti e pagine social si sono uniti nello scherzo per affermare che Watamu è bellissima e sicura...anche senza...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Uno studio dell'Università di Los Angeles conferma anni di studi e secoli di dicerie e leggende locali: il pesce crudo dell'oceano indiano (sailfish, red snapper, dorado, kolekole) fa bene soprattutto alle persone in età avanzata, più di altri tipi di pesce...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Lontano dai paradisi marini che portano sulle tavole di ristoranti e hotel specialità appena pescate...

LEGGI L'ARTICOLO

Dalle rive dell’Oceano Indiano all’incontro tra due mari, dalla punta di Vasco Da Gama allo...

LEGGI L'ARTICOLO

Una giornata speciale come quella di Ferragosto può essere vissuta nella fantastica cornice della baia di Mayungu, di fronte agli atolli di sabbia sulla barriera corallina che sono meta preferita di tutti i turisti che amano l'oceano indiano e la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il presente prossimo del nutrimento delle nuove generazioni keniane e della popolazione più...

LEGGI L'ARTICOLO

"Samaki wa kupaka ya nazi", ovvero letteralmente "Cubetti di pesce al cocco" è un piatto della tradizione swahili del Kenya, che utilizza varie spezie di antica provenienza indiana per dargli sapore. Una versione molto gustosa prevede il "madras", quella più...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

Un weekend davvero ricco quello del Driftwood Club di Malindi, storico e affascinante club fondato...

LEGGI L'ARTICOLO

Bocconcini di pesce in sugo di mango.
Si tratta di una ricetta swahili particolarmente utilizzata a Malindi e sulla costa del Kenya, dove abbondano le piante di questo delizioso frutto tropicale.
Ecco per voi la ricetta di malindikenya.net

LEGGI LA RICETTA

Un cenone di San Silvestro a Malindi nel segno dell’eleganza e della quiete raffinata in riva all’Oceano Indiano, non...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite ha illustrato la gravissima situazione del Kenya, alle...

LEGGI L'ARTICOLO

Ogni giovedì sera al Blanco Bar & Restaurant, cena a buffet con musica soft dal vivo di sottofondo, con la cantante Lina e il suo repertorio di canzoni internazionali.
Il menu prevede un'ampia scelta di antipasti di pesce e vegetariani, e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Cambio climatico e pandemia, un mix letale che ha creato 400 mila nuovi affamati sulla costa del...

LEGGI L'ARTICOLO