Mal d'Africa

MAL D'AFRICA

Io lo chiamo amore, voi chiamatelo pure Mal D'Africa

Il pensiero di una lettrice del nostro portale

14-11-2018 di Giovanna

Me lo dissero i baobab, quel giorno che l'interrogai.
Non sapevo proprio a chi chiedere quale genere di sensazione stessi provando, dopo la terza volta che il cuore, la mente e i piedi mi avevano costretto a tornare a Malindi.
Io che a 35 anni avevo girato il mondo, ero stata in vacanza negli angoli più remoti e fantastici del pianeta, che ero convinta prima o poi di cedere al fascino della Thailandia.
No, il cielo e i baobab richiedevano la mia presenza. Ora che da dieci anni frequento il Kenya con sempre più assiduità, mi rendo conto che c'era qualcosa di più profondo, c'era una terra che non chiedeva ma mi guardava muovermi con sempre più consapevolezza e mi offriva l'occasione per innamorarmi di lei.
La terra problematica che ho visto a Marafa e Garashi, dove sono stata dormendo nelle capanne per conoscere da vicino la famiglia del mio amico Kiti, dove ho partecipato a una cerimonia funebre, dove ho dolorosamente preso coscienza dell'impotenza di tutti nel vedere un bambino morire dopo due giorni di agonia, per qualcosa che non si saprà mai, perché è inutile l'autopsia in un Paese dove già non ti viene spiegato bene perché vivi e perché il mondo ti voglia far vivere così.
Per noi è tutto più facile, c'è sempre una spiegazione, c'è sempre un motivo e se non c'è, abbiamo professoroni e tuttologi così bravi a trovarne uno.
Abbiamo sempre ragione noi: la civiltà, la tecnologia, il progresso, la nostra voglia di crescere. Guarda loro invece che selvaggi, che poca voglia di lavorare e di cambiare il loro stato sociale.
Poi vedi a Nairobi chi lo ha cambiato e si comporta come il peggiore dei razzisti bianchi con il loro stesso popolo.
E' li che ti rendi conto che quando ti senti solo davanti alle ingiustizie del mondo, è con gli ultimi che devi stare, è loro che puoi aiutare senza chiedere a nessuno perché lo stai facendo e senza aspettarti nessuna riconoscenza.
Lo fai perché non ti senti solo, e questo sarebbe già un motivo per ringraziare questa gente, di ringraziare l'Africa per averti chiamato a sé.
Io chiamo questo amore, voi chiamatelo pure Mal d'Africa. 

TAGS: BaobabAmore Africa

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

C’è tanto amore per l’Africa e tanto Kenya, in mezzo alle vicende sentimentali narrate nel primo romanzo della sceneggiatrice e scrittrice italiana Francesca Marciano, che ha lavorato, tra gli altri, con Salvatores, Luchetti e Muccino. 
“Cielo Scoperto” è un romanzo...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Il Canto del Kenya di oggi, martedì 22 dicembre, è un canto d’amore.
Ma non...

UN CUORE E UNA CAPANNA - Leggi la striscia quotidiana del Direttore

Il mondo inizia a scoprire le incredibili proprietà dell'albero africano per eccellenza, il baobab.
La pianta dei ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ho capito che se vuoi davvero vivere in Africa,
devi essere capace di vederla e dirti:
"è per amore che si prende questa strada, mettitelo bene in testa, finirai qui".

Ha girato un po' tutto il mondo Margherita Maresca e ha avuto una vita avventurosa: a piedi in Somalia, nella foresta del Congo, e ancora tra oceani e deserti. Ora l'italiana residente a Watamu, conosciuta particolarmente per i suoi arazzi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Africa, amore mio.
Si, è così che mi piace chiamarti: "amore mio".
Perché infondo sei il mio più grande amore. 
Il mio posto nel mondo.
A volte mi fermo a pensarti, ancora e ancora.
Mentre mi si forma un nodo...

LEGGI LA BELLA TESTIMONIANZA

Il Canto del Kenya per la vigilia di Natale è dedicato all’albero.
Uno...

L'ALBERO DEL NATALE DI SEMPRE - Leggi la striscia quotidiana del Direttore

Un sospiro di sollievo per i tanti malindini che credono ancora alle leggende e che non vogliono che i baobab, che rappresentano le anime dei cari defunti, vengano tagliati.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una cena in musica per festeggiare l'amore e gli innamorati, nell'atmosfera confidenziale e quindi anche romantica del Baby Marrow Art&Food and...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

COMUNICATO STAMPA 
Ci volevano due artisti in esilio volontario, il...

GUARDA IL VIDEO

Che non ce l’avremmo fatta era quasi scritto.
Solo un miracolo avrebbe...

LEGGI ARTICOLO, GUARDA LE FOTO E IL VIDEO

Non sarebbe Malindi se non ci fosse il sole
che fa capolino anche quando non vuole
sorridendo dietro nuvole basse e scure
che fa piovere sognando nuove arsure

 

LEGGI TUTTA LA POESIA

Sulla costa del Kenya è in atto un silenzioso, quotidiano crimine che non riguarda il genere umano e...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO E IL VIDEO

Chiude in bellezza anche quest'anno la stagione delle feste serali del Papa Remo Beach.
L'esclusivo locale sulla spiaggia dell'amore di Watamu da questa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Siamo certi che anche i baobab e i neem del Kenya hanno pianto la scomparsa di Maurice Méssegué, il “papà delle piante” come veniva universalmente appellato.
Il grande naturalista, scrittore e fitoterapista francese si è spento a 95 anni nella...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un San Valentino per tutti, all’insegna del piacere di stare insieme, in una delle cornici più eleganti ed esclusive di Malindi.
 Amore non...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO