Ambiente

AMBIENTE

Card per pescatori keniani contro i bracconieri del mare

Iniziative serie per evitare il disboscamento delle mangrovie

29-10-2019 di redazione

Una speciale carta d’identità per distinguere i pescatori kenioti autentici e in possesso di regolari permessi dai bracconieri del mare.
E’ una delle prime serie iniziative del Governo per contrastare il fenomeno delle razzie di ogni tipo di specie marina dell’Oceano Indiano e specialmente le mangrovie.
Si chiama “Mvuvi” card, laddove “mvuvi” in kiswahili significa pescatore: la speciale ID card contiene l’immagine e le impronte digitali e permetterà la lettura delle sue informazioni tramite smartphone dotati di un’applicazione creata ad hoc per il riconoscimento e il trasferimento dei dati a corto raggio da parte delle autorità di guardia costiera anche in condizioni di mancanza di connessione di rete, come spesso avviene in alto mare. Saranno un migliaio i primi pescatori professionisti a beneficiare di questo documento, di cui gran parte nell’arcipelago di Lamu.
Uno dei motivi che hanno spinto per prima la Contea di Lamu ad utilizzare questo sistema di riconoscimento sono i bracconieri che con le imbarcazioni si addentrano nelle insenature per tagliare le mangrovie ed utilizzarle come legna. Le mangrovie sono fondamentali per l’ecosistema e alla loro sopravvivenza è legata quella dell’intera costa dell’Oceano Indiano.
sicurezza e frenino la pesca e il taglio illegale.
“Ci sono persone che fingono di essere pescatori - ha dichiarato Samson Macharia, commissario della Contea di Lamu, all’agenzia Reuters - ma in realtà si dedicano al disboscamento illegale delle mangrovie. Se si andrà avanti di questo passo, l'eccessivo sfruttamento delle mangrovie influirà sui cambiamenti climatici e sugli ecosistemi lungo le coste della costa e delle isole”.
Le comunità costiere del Kenya stanno già lottando con gli effetti del cambiamento climatico.
A livello globale, gli scienziati hanno avvertito che le temperature dell'acqua stanno aumentando molto più velocemente del previsto a causa delle emissioni di carbonio.
Quando gli oceani si riscaldano, si espandono, spingendo l'innalzamento del livello del mare che, insieme ad un clima più irregolare, rende i terreni agricoli sempre più vulnerabili alle inondazioni e ai raccolti falliti. I mari più caldi alimentano anche cicloni più potenti e altre tempeste, che possono portare l'acqua salata sulla terraferma.
Le mangrovie sono molto più efficaci di ogni altra pianta nell'assorbire e immagazzinare l'anidride carbonica.
Le radici degli alberi intrappolano e trattengono i sedimenti, fornendo un cuscinetto costiero contro le tempeste e protezione dalle inondazioni, oltre a creare un importante vivaio di pesci.
Più del 35 per cento delle mangrovie del mondo sono già scomparse e stanno scomparendo da tre a cinque volte più velocemente di altre foreste, secondo il WWF.
Le cifre pubblicate dal Ministero dell'Ambiente e delle Foreste del Kenya non sono più lusinghiere e mostrano che tra il 1985 e il 2009 il Paese ha perso circa un quinto delle sue mangrovie.
Oltretutto si stima che il 40% delle mangrovie rimaste sia degradato.
Con meno foreste di mangrovie per tamponare la terra costiera, il suolo sta diventando salato, questo uccide le colture, già minacciate dalle piogge più abbondanti del solito nelle regioni costiere.
Il riscaldamento degli oceani minaccia anche i pesci, specialmente in zone come il Kenya che sono a rischio impoverimento dei coralli.

TAGS: pescatori kenyamangrovie kenyaecosistema kenyaambiente kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

La tutela dell'ambiente marino del Kenya e del suo ecosistema ha ricevuto l'importante appoggio di una star del cinema hollywoodiano.
Leonardo...

LEGGI L'ARTICOLO

Domenica 20 Settembre, Karibuni Onlus e tre Rotaract Club (Malindi, Watamu e Mombasa) hanno partecipato alla riforestazione della foresta di mangrovie di Mida Creek (Kenya). Il progetto è stato finanziato dal Rotaract Club di Cantù, grazie alla super attiva presidente...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Appena all’interno delle tante insenature dell’isola di Mombasa, dalla parte della Contea di ...

LEGGI L'ARTICOLO

E’ uno dei beni preziosi di Malindi e dell’intera costa keniana, e sicuramente tra i più ...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LA GALLERY

Rilanciare l’economia di Watamu e Malindi e allo stesso tempo sostenere e promuovere la conservazione...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Movimento Malindi Green And Blue, coordinato dalla Progress Welfare Association of Malindi, è ...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Domani, martedì 8 giugno, in tutto il mondo si celebra la Giornata Internazionale degli oceani, istituita nel 1992. Il tema...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya è per la gran parte della sua estensione una terra fertile e ricca, dove cresce più o meno di...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Ministero dell'Ambiente del Kenya ha proibito, con termine ultimo il prossimo 31 marzo, l'utilizzo, la vendita e l'importazione dei sacchetti di ...

LEGGI L'ARTICOLO

Il primo progetto keniano di “Blue Economy“ per la salvaguardia dell'ecosistema e lo sviluppo sostenibile, sarà approntato nel creek di Mida e porta anche la firma di un...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

I cittadini responsabili di Malindi tornano ad occuparsi del loro territorio.
Gli esercizi...

LEGGI L'ARTICOLO

Via alla nuova stagione di turismo al sapore di sole e di mare.
Malaika Beach Villas, il piacevole e suggestivo angolo italiano di Mayungu riapre da questo sabato, 14 luglio, la sua...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Alla faccia della Tanzania e di Zanzibar che hanno organizzato l'edizione 2016 degli World Tourism Awards per l'Africa. Il Kenya anche quest'anno si aggiudica il maggior numero di "oscar" del turismo, ben cinque, superando Sud Africa, Malawi e gli stessi...

LEGGI TUTTO

La foresta di Arabuko-Sokoke, che si estende tra l’entroterra di Malindi e quello di Watamu e Kilifi, è stata inserita nelle riserve della ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO