Ambiente

AMBIENTE E FAUNA

Elefanti in pericolo al confine tra Kenya e Tanzania

Gli scienziati: 'fermare le uccisioni a ridosso dell'Amboseli'

02-07-2024 di redazione

Alcuni dei più eminenti zoologi e conservazionisti internazionale ha chiesto, attraverso una lettera pubblicata dalla rivista “Science”, di lottare contro la caccia agli elefanti al confine tra Kenya e Tanzania ed interrompere la catena di uccisioni, per appropriarsi delle zanne, lungo l'ecosistema di Amboseli.
Sono 24 i biologi, zoologi e ambientalisti che hanno messo in guardia contro le uccisioni impunite di elefanti: secondo gli scienziati, tra la fine del 2023 e l'inizio del 2024, le morti hanno riguardato cinque elefanti maschi adulti con zanne di oltre 45 kg. I conservazionisti che si sono uniti al grido d’allarme, hanno affermato che si trattava di esemplari tra i più belli della popolazione transfrontaliera studiata per 51 anni dall'Amboseli Elephant Research Project (AERP) in Kenya. Nonostante in Kenya la caccia sia vietata da ormai 50 anni, la caccia ai “trofei” di certi animali selvatici è ancora consentita in alcune zone della vicina Tanzania. Tuttavia, per proteggere la specie transfrontaliera, i cacciatori non possono sparare agli elefanti nelle vicinanze del Parco nazionale di Amboseli.


Cynthia Moss, fondatrice e direttrice dell'AERP, ha osservato che gli elefanti in questo ecosistema a cavallo tra Kenya e Tanzania hanno prosperato nei decenni in cui è stato rispettato il divieto di caccia.
"Questi elefanti non sono solo fonte di grandi ricerche e studi scientifici, oltre a rappresentare un attrazione per l'economia dell'ecoturismo, ma rappresentano anche un patrimonio naturale unico e insostituibile per le popolazioni di entrambi i Paesi e del mondo", ha detto.
Geneticamente predisposti per avere alcune delle zanne più grandi del continente africano, gli elefanti dell'Amboseli sono stati storicamente protetti dalla caccia sia legale che illegale, ha dichiarato Joyce Poole, direttrice di ElephantVoices, una lobby internazionale per la protezione degli elefanti, e prima firma della lettera. Il Parco Nazionale Amboseli, che ospita più di 2.000 popolazioni di elefanti, e le sue aree di distribuzione coprono circa 30.000 chilometri quadrati tra Kenya e Tanzania, hanno osservato gli scienziati. Inoltre, ci sono 65 famiglie di elefanti in questa popolazione, mentre 17 famiglie per un totale di 365 membri attraversano frequentemente la Tanzania.

TAGS: elefantiAmboseliTanzaniaavorioscienziati

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 16 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

L’Amboseli National Park è tra i parchi più popolari del Kenya e possiamo asserire che...

LEGGI L'ARTICOLO

Niente turisti, più tempo e privacy per “fare sesso”.
Questo...

LEGGI L'ARTICOLO

L'ultimo sequestro, avvenuto ieri in Vietnam, di cento chili di corna di rinoceronte provenienti dal Kenya, riporta alla triste attualità il contrabbando legato alle specie protette della savana africana.
La battaglia contro i bracconieri che uccidono elefanti procede con risultati anche...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Era uno dei più imponenti, ieratici elefanti dell’Amboseli.
Tolstoy, così...

LEGGI L'ARTICOLO

Elefanti in Kenya: i dati del Kenya Wildlife Service che riguardano l'anno che si sta per chiudere sono confortanti per quanto riguarda il bracconaggio.
I casi ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Uno dei più grandi e famosi elefanti del Kenya, conosciuto come Tim, è morto ieri ...

LEGGI L'ARTICOLO

Gli elefanti africani stanno iniziando a nascere senza zanne, come protezione genetica per evitare...

LEGGI L'ARTICOLO

Appare assurdo, oltre che anacronistico e anche poco remunerativo economicamente di questi...

LEGGI L'ARTICOLO

Ventisei esemplari di elefanti morti per cause non naturali ma non legate direttamente al bracconaggio.
Questo il preoccupante bilancio redatto dai...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La lotta al bracconaggio e il bando internazionale dell’avorio stanno dando i loro frutti: in tre anni il numero di elefanti in Kenya è aumentato quasi del 15 per cento (14,7 per la precisione).
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Probabilmente erano ben nascoste da tempo, perché dall'inizio dell'anno in Kenya non si ha...

LEGGI L'ARTICOLO

Cala la richiesta d’avorio del mercato nero mondiale, e i contrabbandieri in Kenya e Tanzania si lanciano sul legno legno di Sandalo.  
Il noto legno aromatico è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I primi dati del 2015 trasmessi dall'organizzazione "Tsavo Trust" sono significativi e confortanti: nei primi sei mesi dell'anno nessun elefante è stato ucciso.
I bracconieri non sono riusciti a prelevare le preziose zanne da nessun esemplare, e la savana del...

LEGGI TUTTO

Lo chiamano “il salotto dei safari”, il Parco Nazionale dell’Amboseli, non è famoso solo per regalare...

LEGGI L'ARTICOLO

L’adagio andreottiano “il potere logora chi non ce l’ha” sembra piacere molto anche ai babbuini kenioti. Nella comunità di...

LEGGI L'ARTICOLO

Elefanti in trappole. 
Sembra una cosa impossibile, ma purtroppo non lo è. 
Una delle conseguenze della campagna in corso, per negare ai bracconieri l’uso delle armi da fuoco, e stata quella di indirizzarli all’uso dei metodi tradizionali, andati in disuso...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO