Solidarietà

SOLIDARIETA'

Dalla Calabria al Kenya portando tennis e gioia

Un racconto di solidarietà e speranza del giornalista Giacoia

18-02-2021 di Freddie del Curatolo

Dalla Calabria al Mida Creek, dai campi di terra rossa agli spiazzi di corallo e sabbia di Timboni.
La Federazione Italiana Tennis, sezione calabrese, ha portato racchette, palline, due reti e abbigliamento ad hoc a Watamu, assecondando l’idea dell’appassionato giornalista Valerio Giacoia, per dare uno svago e un senso in più all’adolescenza di tanti ragazzini delle zone povere della costa keniana.
Come da sempre predichiamo (specialmente con i fatti, e chi ci segue lo sa bene) lo sport è uno dei mezzi più efficaci per togliere i giovani dalle insidie e dalle lusinghe della strada, che qui si chiamano droga, prostituzione, microcriminalità e nella migliore delle ipotesi accattonaggio.
Così Giacoia, reporter giramondo con un cuore portato verso il sociale, ha pensato di abbinare una delle sue passioni ai sorrisi e alle speranze di quelli che sono diventati dei piccoli grandi amici.
E’ lo stesso giornalista calabrese a raccontare, come ha fatto sulle pagine del Quotidiano del Sud, questa esperienza.
“Questi bambini hanno fame, ma hanno anche il diritto alla gioia. E noi gli abbiamo portato racchette e palline – racconta Giacoia - Si gioca a tennis nei villaggi di Kwahadija, appena all’interno della strada che traccia il quartiere di Timboni, si gioca a tennis a Mida, a ridosso del creek marino e dell’immensa Arabuko Forest, la più grande selva fluviale dell’Africa orientale con i suoi 400 chilometri di estensione. Giocano per la prima volta bambini tra gli ultimi del pianeta in quanto a diritti. Se dal fango e dalla polvere all'improvviso spunta un diritto (umano) sarà stato un miracolo. Così il tennis è diventato il gioco dei diritti, in mezzo ai troppi "rovesci" della loro vita, a quel Grande Rovescio delle loro esistenze condite per lo più dal fango delle stagioni delle piogge, e da polvere e mosquitos quando si sfiorano i quaranta gradi come in questo periodo. Ciascuno senza riparo alcuno dalle violenze quotidiane e da quelle dell’indifferenza del pianeta, ciascuno di essi senza prospettiva e troppo spesso nemmeno speranza, forse nemmeno di quell’uno su mille del Vangelo”.
Tutto questo è avvenuto nelle scorse settimane durante una vacanza in cui il giornalista ha alternato reportage a vera e propria attività sociale, rendendosi conto delle condizioni di miseria e delle problematiche che sono evidenti anche in una cittadina turistica e sotto certi versi privilegiata rispetto ad altre realtà del Kenya.
“La terra rossa non è quella felpata dei circoli occidentali al riparo dai guai del mondo, bensì finissima sabbia quasi amaranto dove alloggiano i famigerati funza, micidiale specie di pulci che hanno divorato i piedi di generazioni di bambini scalzi annidandosi nelle ferite o sotto le unghie – denuncia amaramente Giacoia - Non hanno scelto di nascere e vivere in questa parte dell’Africa queste bambine e questi bambini, di giocare tra la polvere, scalzi, sporchi, dividendo l’inchiostro delle etichette di plastica con i polli, di sfidare la sorte ogni giorno nel match con i funza. Di vedersi tagliate a crudo le tonsille, per esempio. E’ successo a una bambina di appena nove mesi, pochi giorni fa. “Aveva sempre la tosse”, si è giustificata la madre, sbrigativa, inconsapevole del danno e dei rischi in mezzo a sporcizie di ogni sorta”.
Portare un po’ di gioia estemporanea a questi bambini è una soddisfazione conosciuta e sperare che qualcuno con una racchetta in mano possa cambiare anche solo di una tacca il suo destino, è un sogno che vale la pena sognare.
Da comprendere in questo senso l’emozione del Comitato Calabro della FIT.
Quando ha ricevuto le prime fotografie, il presidente Joe Lappano è riuscito a stento a dire qualche parola. “E’ una cosa troppo grande, sono commosso, stupito…”. Emozione che si è diffusa presto nei vari circoli del tennis regionali.
E il primo emozionante torneo che si è giocato, grazie alle donazioni calabresi, è stato qualcosa da vivere prima ancora di narrarlo.
“Un torneo stupefacente, un rave estemporaneo di felicità – spiega Giacoia - Mai visto, mai sentito. Lo stadio del tennis sta tra le capanne e i fuochi in mezzo alle pietre in attesa che polenta e fagioli, se va bene, se hai trovato qualche scellino per comprarli, siano cotti. Ma fosse pure in mezzo alla fame, adesso, farebbe lo stesso. Si gioca, e il diritto alla gioia non glielo toglie nessuno”.

(foto: Valerio Giacoia, Facebook)

TAGS: tennis kenyasport kenyasolidarietà kenyagiornalista kenyastorie kenyaitaliani kenyacalabria kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Si chiama "Patrimonio Italiano Tv" ed è una televisione online che si connette con tutti i Paesi del mondo in cui ci siano connazionali di cui vale la pena raccontare le storie.
Il suo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il romanzo della giornalista Rai Isabella Schiavone "Lunavulcano", che abbiamo recentemente recensito qui (clicca qui per leggere la recensione) è stato selezionato  per il prestigioso premio Strega 2018.
L'importante...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Può la storia degli italiani in Kenya essere racchiusa in una serata di racconti e canzoni?
L'unico che forse può provarci è Freddie del Curatolo, scrittore performer e direttore del portale malindikenya.net, con la preziosa collaborazione del Maestro Marco "Sbringo"...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Fatuma Freedom Prezioso non ce l'ha fatta. 
E' spirata ieri notte a Mombasa, dove si era recata per l'ennesima visita di controllo.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'idea dell'Olimpia Club dell'Amatriciana solidale per i terremotati di Amatrice e dintorni è piaciuta così tanto ai residenti e villeggianti italiani di Malindi che domani sera il locale sarà allestito all'interno del campo da tennis, con la presentazione e la...

LEGGI TUTTO

Cosa accade veramente nel 1952 quando Frank Sinatra, accecato dalla gelosia per Ava Gardner, piombò da New York a Nairobi sul set del film Mogambo, che la sua compagna, focosa attrice di Hollywood, stava girando accanto allo sciupafemmine Clark Gable?

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

COMUNICATO STAMPA 
Ci volevano due artisti in esilio volontario, il...

GUARDA IL VIDEO

Si chiamano "Tinga Tinga Tales" e sono delle bellissime storie animate per ragazzi create da una società di animazione digitale di Nairobi e ideate e prodotte da una sceneggiatrice britannica innamorata dell'Africa, Claudia Lloyd.
Vanno in...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La giornalista keniota di origine indiana Rasna Warah presenterà oggi, venerdì 30 settembre alle 16, al Centro Culturale della Malindi Museum Society (presso il Museo Nazionale di Malindi, ex Dc Office dietro la piazzetta "del Cambio") il suo nuovo libro...

LEGGI TUTTO

Dopo una stagione a dir poco positiva, con serate sempre vive ed animate, cene e...

LEGGI L'ARTICOLO

Un documentario sugli italiani in Kenya. E' l'idea, appoggiata dall'Istituto Italiano di Cultura di Nairobi, del regista italiano Giampaolo Montesanto.
Montesanto ha da poco ultimato e messo in circolazione un lungometraggio simile, sui nostri connazionali in Eritrea ed è pronto...

LEGGI TUTTO

Si chiama Stephen Ogongo, è un giornalista keniano che vive in Italia da 25 anni e ha deciso di fondare un movimento che un...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una "Radiomalindi" dal vivo, ogni giovedì al Baby Marrow Art & Food Restaurant.
Questa l'idea di Freddie del Curatolo per intrattenere a modo suo gli italiani che passeranno l'agosto sulla costa keniana.
Si chiama "Good Night Malindi" il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ostriche fresche di Kilifi a volontà e tante specialità italiane che arrivano fresche tutte le settimane dal nostro Paese per via aerea, più una scelta di altre prelibatezze di casa nostra, tra cui spicca un buonissimo prosecco di Valdobbiadene.
Queste...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO