Editoriali

EDITORIALE

Kenya, un necessario 'cuscinetto di pace'

Il senso della visita del segretario generale ONU

04-05-2023 di Freddie del Curatolo

Lo ha ribadito anche il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, durante la sua visita ufficiale: il Kenya è da sempre e sempre di più un “cuscinetto di pace” in mezzo alle tante insidie, dispute e battaglie che spesso sfociano in guerre sanguinose dell’Africa subsahariana.
Il numero uno dell’Onu è a Nairobi per incontrare il presidente William Ruto e discutere della drammatica situazione in Sudan. Ruto fin da subito si è proposto come uno dei leader della possibile, sperata mediazione tra le fazioni in guerra a Khartoum e dintorni che stanno dilaniando il paese e costringendo alla fuga decine di migliaia di cittadini.

Non è la prima volta che il Kenya assurge al ruolo di pacificatore (o almeno ci prova): la ritrovata solidità della sua democrazia, seppur leggermente minata dall’incosciente opposizione di Raila Odinga e dei suoi alleati (nelle modalità, più che nelle richieste) dopo le elezioni dello scorso agosto, ha convinto una volta di più gli attori internazionali dell’affidabilità della nazione come guida per risolvere i problemi politici e di sicurezza del Corno d’Africa e della regione dei grandi laghi. E’ successo recentemente nella guerra civile scatenata dalle repressioni seguite alle rivolte nella regione autonoma etiope del Tigrè, e va avanti da tempo nella Repubblica Democratica del Congo, con la difficile trattativa tra governo di Kinshasa e ribelli del gruppo militare M23 a nord est del paese, e con l’influenza più o meno presunta del vicino Ruanda. Ieri anche l'opposizione, dopo l'ennesima giornata di proteste che ha creato disagi a Nairobi e Kisumu, ha saggiamente deciso di annullare le manifestazioni previste per oggi, accettando di risedersi ai tavoli bipartisan in parlamento per discutere delle riforme elettorali. 

In mezzo a questi fragili equilibri, c’è la situazione mai facile del Sud Sudan, peraltro come l’Etiopia confinante con il Kenya e quella ancor più delicata con la Somalia, ricettacolo di terrorismo jihadista e aggrappata a governi sempre a rischio e nuove autonomie spesso finanziate da signorie islamiche.
Il cuscinetto Kenya diventa essenziale, non solo per l’Africa subsahariana, ma per tutti gli investimenti e gli accordi tra potenze straniere e grazie a questa prerogativa spesso ha potuto approfittare di aiuti anche economici e relazioni diplomatiche importanti, a partire dalle varie agenzie di sicurezza (leggi “servizi segreti”) internazionali.

L’essere etichettato come paese sicuro o quantomeno portatore sano di pace è una responsabilità non da poco, ma anche un biglietto da visita per economia, e può attrarre nuovi investimenti oltre che ravvivare il turismo in un momento in cui la ripresa è più che necessaria.
Ben venga quindi questa consacrazione, se può far comprendere ai governanti e all’opposizione che ci sono aspetti più importanti e addirittura remunerativi della cieca e sorda sete di potere.

TAGS: pacenazioni unitesud sudancongomediatore

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 16 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

A piccoli passi il Kenya risale la china tra i Paesi meno corrotti del mondo, lasciandosene alle...

LEGGI L'ARTICOLO

Un’ottima notizia riguarda il territorio marittimo del Kenya e le sue coste: l’Organizzazione Marittima...

LEGGI L'ARTICOLO

Nonostante gli ultimi sporadici casi di febbre gialla rilevati nelle regioni a nord del Kenya, e nonostante...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya non ha mai avuto un caso di vaiolo delle Scimmie.
E’ meglio da subito...

LEGGI L'ARTICOLO

Centomila appartamenti di edilizia popolare finanziati dalle Nazioni Unite in Kenya, per eliminare i quartieri poveri e disagiati di Nairobi.
Appartamenti che saranno destinati a chi potrà permettersi di pagare affitti bassi che saranno commutabili anche in un vero e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Con un comunicato emesso dall’autorità nazionale dell’aviazione civile (KCAA), sono state decise...

LEGGI L'ARTICOLO

Il mondo piange un gigante della pace, un diplomatico dalla vocazione all’umanità.
Per il Kenya è semplicemente l’uomo che ha evitato una guerra civile, ha messo la parola fine a un eccidio senza precedenti per la Repubblica del Kenya e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Di nuovo “benvenuti a casa”, ovvero, pronunciato in dialetto Turkana:..

LEGGI L'ARTICOLO

L’Italia è in prima linea per aiutare il Kenya a prevenire le catastrofi naturali...

LEGGI L'ARTICOLO

L’Italia finanzierà “Let it not happen again”, un progetto contro la violenza sulle donne in Kenya, tramite...

LEGGI L'ARTICOLO

Il progetto è stato annunciato ieri dal Ministro dei Trasporti del Kenya James Macharia, che dopo aver firmato l'accordo con i colleghi di Sud Sudan ed Etiopia, ha appaltato a due...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ha girato un po' tutto il mondo Margherita Maresca e ha avuto una vita avventurosa: a piedi in Somalia, nella foresta del Congo, e ancora tra oceani e deserti. Ora l'italiana residente a Watamu, conosciuta particolarmente per i suoi arazzi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

C'erano cittadini di trentatre differenti nazionalità a bordo del volo Ethiopian Airlines diretto da...

LEGGI L'ARTICOLO

E' il Kenya la nazione più colpita dal lutto internazionale dopo lo schianto al suolo del Boeing 737 MAX della...

LEGGI L'ARTICOLO

I  migranti africani continuano ad essere una drammatica consuetudine nel mediterraneo, specialmente...

LEGGI L'ARTICOLO

Mozambique, a luta continua, a luta continua, continua…

L’Africa ha una voce di donna. 
E’ una voce forte come un’acacia secolare, profonda come le sue radici umili e intrecciate con coltelli e bastoni più volte sepolti e ripresi, intrise...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO