Ultime notizie

NEWS

Migranti, perché nessuno (ancora) fugge dal Kenya

La situazione peggiora, ma qui c'è ancora speranza

06-04-2023 di redazione

I  migranti africani continuano ad essere una drammatica consuetudine nel mediterraneo, specialmente sulle coste italiane. Ma la situazione è anche peggiore prima di approdare in Libia, in Marocco, in Grecia e negli altri porti di fuga. Di sicuro il trauma principale riguarda l’abbandono della terra natia e poi il percorso attraverso altri paesi, spesso ostili, prima di raggiungere l’ultimo ostacolo alla speranza, il grande mare da cui spesso non si torna.
Anche quest’anno le Nazioni Unite, tramite l'Alto Commissariato per i rifugiati (UNHCR) hanno trasmesso l’elenco dei paesi da cui più cittadini, disperati, partono con l’intenzione di raggiungere l’Europa.
Il Kenya si conferma per l’ennesima volta uno degli ultimi paesi i cui migranti s’imbarcano per le “traversate della speranza”. In testa, come sempre, Somalia e Nigeria, poi i paesi dell’area occidentale (Gambia, Burkina, Costa d’Avorio, Mali, Senegal, Guinea Bissau, Camerun) e di quella centrale (i due Congo e la Repubblica Centrafricana), oltre a Sudan ed Eritrea. Nell’area subsahariana le migrazioni riguardano paesi vicini, ad esempio dal Burundi si migra in Tanzania, Uganda e nello stesso Kenya, da Malawi, Zimbabwe e Lesotho in Sudafrica. Poi ci sono nazioni come il Ruanda dove la gente ha il minimo indispensabile e i servizi pubblici migliorano (spesso questo capita a fronte di una limitazione delle libertà, ma qui dovremmo aprire un lungo, non sempre facile discorso su democrazie imperfette e dittature illuminate in Africa...) o dove i governi non sono corrotti e non ci sono disfide etniche, come ad esempio il Botswana.
Perché il Kenya non ha cittadini in fuga?
Eppure la situazione in certe regioni è critica e molto peggiorata. Intanto c’è da dire che non è la povertà, problema con cui l’Africa convive da sempre, il problema principale. Nessuno lascerebbe casa sua, il suo fazzoletto di terra, la capanna e i propri affetti, se non fosse costretto da altri fattori. Intanto un paese non in guerra, poi la convivenza tra gruppi etnici e religiosi differenti, infine grosse emergenze alimentari.
Per i keniani, alcuni di questi problemi si stanno verificando da quest’anno e, anche se non è mai stato nell’indole loro scappare dal proprio paese, dovranno fare i conti con la crisi idrica e la fame. Tare che poi si portano inevitabilmente dietro i conflitti, come sta accadendo ultimamente nella Rift Valley e nelle regioni di Baringo e Turkana.
Durante la recente visita del presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella, che ha tenuto un discorso sull’ambiente all’Università di nairobi, è stato toccato più volte il tema delle migrazioni e lo stesso capo di Stato ha ricordato che paesi come il Kenya, che sono un passo avanti rispetto a molte altre realtà del continente, devono guardare oggi a non degenerare nei problemi che portano poi la loro gente a scappare e specialmente i giovani.
Per questo non solo viene considerato un paese che ancora “se la può cavare” ma è uno di quelli con cui collaborare perché mantenga il suo popolo in condizioni accettabili a casa sua e diventi un esempio virtuoso e vincente di come l’Africa possa risolvere le questioni che costringono migliaia di persone riluttanti a mettersi in viaggio, senza la certezza di arrivare vivi ad una meta di cui spesso non hanno mai sentito parlare.

TAGS: migrantifugasperanza

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 16 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Non abbiamo fatto a tempo, qualche giorno fa, a parlare di notizie finalmente obbiettive, positive e vere (non per forza trionfalistiche, per carità) sui giornali e riviste italiane, che arriva la stoccata dei soliti sensazionalisti di serie B. 
Stavolta è...

LEGGI TUTTO L'EDITORIALE

Gioco a rugby perché mi hanno dato una maglietta nuova.
Le scarpe...

LEGGI IL RACCONTO

Più di quattro giorni di silenzio, di attesa, di ricerche e operazioni coordinate del Governo italiano con le forze speciali del Kenya, di arresti e mandati di cattura da parte della polizia della costa.
Questo il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La storia della Malindi turistica insegna che il suo andamento (qualcuno direbbe “trend”) è ciclico e tali cicli durano circa sette anni, guardacaso come le relazioni coniugali.
Dal 1987 al 1994-95 la destinazione costiera keniana ha vissuto il suo primo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una giornata speciale a Malindi per conoscere la realtà dei rifugiati in Kenya e confrontarla con quella di chi...

LEGGI L'ARTICOLO

E' arrivato martedì scorso e si gode una settimana di vacanza a Malindi, o meglio dire...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si affievolisce lentamente il grosso incendio divampato l’altra notte nella vasta area attorno...

LEGGI L'ARTICOLO

Una settimana di silenzio: quello sacrosanto di chi indaga sul rapimento di Silvia Romano a Chakama, datato ormai 20 giorni fa, quello rispettoso di chi, come noi, ha scelto di scrivere solo i fatti veri dal Kenya o le notizie...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Avrebbero portato via Silvia Romano solo per proteggersi durante la fuga, sapendo che dopo gli spari al negozietto nella piazza del villaggio di Chakama, sarebbe presto arrivata la polizia da Langobaya.
Forse se...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Piuttosto che niente, meglio piuttosto, diceva il cabarettista milanese del secolo scorso Walter Valdi, che...

LEGGI L'ARTICOLO

Oggi, 8 agosto, si celebra la "Giornata del Sacrificio del Lavoro Italiano nel Mondo", istituita nella ricorrenza della tragedia mineraria di Marcinelle del 1956, per il riconoscimento e la valorizzazione del lavoro e del sacrificio dei connazionali emigrati.
Per commemorare...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

I bambini delle scuole di Malindi, coordinate da Malindikenya.net sono tornati a calcare l’erba dello stadio Alaskan.
In attesa...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Un disastro in uno degli storici e lussuosi resort della costa sud keniana.
Delle...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Se il buon giorno si vede dal mattino, l’alba africana di fine pandemia porta più di una speranza di rivedere...

LEGGI L'ARTICOLO

Un devastante incendio è divampato nella tarda mattinata di oggi a Watamu. Sembrerebbe essersi propagato da un

LEGGI L'ARTICOLO

Dopo la positiva serata di martedì scorso al Tamu Beach (ex Stephanie Sea Resort), nell'atmosfera...

LEGGI L'ARTICOLO