Ultime notizie

CURIOSITA'

Farfalle, il business venuto a mancare a Malindi e Watamu

La pandemia ha fermato il sostentamento a 50 mila persone

28-02-2021 di Leni Frau

C’è un business nel sottobosco tra Malindi e Watamu che negli ultimi anni ha dato lavoro ad oltre 50 mila persone e relative famiglie. Qualcosa che nella terra dei frutti, della pesca e delle attività turistiche non ti aspetteresti, ma che attinge da una grande risorsa e potenzialità che si sviluppa attorno alla foresta endemica di Arabuko Sokoke.
Stiamo parlando dell’allevamento di farfalle per l’esportazione che la pandemia ha bloccato dopo anni di espansione e creazione di diverse farm locali, alcune legate a cooperative e comunità dei villaggi. Una risorsa non a caso chiamata “L’oro volante dell’Arabuko”.
Un anno fa il mercato europeo ha vietato l’importazione di insetti dai paesi extra Shengen e così una macchina economica finalizzata al mercato straniero si è di colpo bloccata e mette a rischio tanti stipendi da cui dipendono il sostentamento di intere famiglie e le rette scolastiche per tanti ragazzi.
Il ricercatore Hussein Aden, che coordina anche il progetto Kipepeo Butterfly nella zona delle rovine di Gede, parlando tempo fa ai media ha confermato che la popolazione locale dipende in maniera importante dall'allevamento di farfalle, oltre che dal turismo che rimane l’attività che offre pi+ lavoro e che ovviamente è anch’essa in crisi.
"Improvvisamente per i coltivatori di farfalle e per la sua industria – ha detto Aden – è cambiato completamente tutto,  lasciando migliaia di persone nella disperazione per l’impossibilità di dar da mangiare alle loro famiglie ed educare i loro figli. Si sperava che il blocco commerciale relativo alla pandemia durasse pochi mesi ma dopo un anno non si è ripreso quasi per nulla”.
Gli allevatori di farfalle riescono a guadagnare anche 4000 euro all’anno, che sulla costa del Kenya è un bello stipendio, con la vendita di specie coloratissime e particolari che riescono a ottenere attraverso la coltura di varie specie. Solitamente un baco particolare può costare anche 100 scellini, mentre ci sono specie rare molto richieste di cui la foresta dell’Arabuko è una delle poche case.
Le farfalle vengono portate in centri espositive e in musei, ma anche tenute libere nei giardini delle aree urbane, per creare atmosfera con la loro bellezza. Vengono anche acquistate da privati per le loro tenute e ville di pregio.
Regno Unito e Stati Uniti sono i mercati migliori per il Kenya, ma dal 5 marzo del 2020 è tutto fermo.
Si tratta di una perdita toyale di circa 18 milioni di dollari all’anno.

TAGS: farfalle kenyaarabuko sokokeesportazioni kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

La foresta di Arabuko-Sokoke, che si estende tra l’entroterra di Malindi e quello di Watamu e Kilifi, è stata inserita nelle riserve della ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La foresta di Arabuko Sokoke è la più antica, grande e intatta foresta pluviale dell'Est Africa, un polmone essenziale di natura verde che si estende per 420 chilometri quadrati nella zona della costa nord del Kenya tra Kilifi, Gede e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Gli ambientalisti si muovono per evitare uno scempio che potrebbe riguardare "casa nostra", ovvero l'Arabuko Sokoke Forest, che si estende da Gede a Matsangoni, lungo la strada Malindi-Mombasa dove ci sono anche gli ingressi per i turisti, fino a buona...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Con la nuova strada asfaltata che collega Malindi all'ingresso del Parco Nazionale dello Tsavo (completata...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA IL VIDEO

Venti chilometri prima di Malindi, dopo i villaggi di Chumani e Matsangoni, s'incontra l'insenatura di Mida, caratterizzata da foreste di mangrovie, piante le cui radici sono in acqua salata. 
A Mida si possono osservare specie molto rare e affascinanti di...

LEGGI TUTTO

Il primo progetto keniano di “Blue Economy“ per la salvaguardia dell'ecosistema e lo sviluppo sostenibile, sarà approntato nel creek di Mida e porta anche la firma di un...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Il Governo della Contea di Kilifi punta nuovamente sul turismo italiano.
E’ significativa...

LEGGI L'ARTICOLO

La Contea di Kilifi da oggi è in mostra per tre giorni al TTG di Rimini.
Il Governo della regione a nord di Mombasa, che ha in Kilifi il suo capoluogo e in Watamu, Malindi, Mayungu e Mambrui le sue...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non sempre le cattive notizie ne portano altrettante, a volte piove sull'asciutto e non sul bagnato. L'inevitabile progresso che sta arrivando anche nelle cittadine turistiche costiere di Malindi e Watamu, con i relativi problemi di deforestazione per costruire nuove abitazioni...

LEGGI TUTTO

Malindi quinta meta del mondo da scoprire nel 2017, secondo il sito americano di informazioni burocratiche (visti e permessi) ivisa.com, frequentato da lettori di tutto il mondo. (vedi qui il link originale https://www.ivisa.com/visa-blog/top-11-undiscovered-destinations-for-2017)
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' uno dei formatori professionali e motivatori di manager aziendali più importanti d'Italia, ha scritto saggi e trattati sull'argomento e ha lavorato con le più importanti realtà italiane.
Parliamo di Alessandro Chelo, genovese che ha insegnato a centinaia di dirigenti...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Autunno, tempo di funghi.
Questo è ciò a cui ci rimanda la tradizione gastronomica italiana, legata a quel che la terra riesce ancora a regalarci.
Ma anche in Kenya esistono...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I negozianti della città vecchia che si preparano all'alta stagione hanno osservato prima con curiosità, poi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Il Kenya si conferma sempre più terra di rarità faunistiche che resistono ai danni della civilizzazione estrema e a...

LEGGI L'ARTICOLO

Watamu la bella.
Malindi la magica.
Watamu la giovane e frizzante.
Malindi antica ma ancora interessante.
 

LEGGI TUTTO IL RACCONTO

Anche sulla costa del Kenya arriva il business del cosiddetto "oro verde".
Parliamo del bambù e della sua coltivazione per scopi commerciali.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO