Ultime notizie

POLITICA

La situazione in Kenya tra referendum ed elezioni

Uno sguardo alla politica e alle prossime strategie del Paese

22-02-2021 di Freddie del Curatolo

Tra un anno il Kenya tornerà alle urne e di fatto la campagna elettorale è già iniziata.
Una campagna insolita, che si manifesta in altre sedi. Non certo piazze e stadi, per via delle restrizioni della pandemia che vieta assembramenti, ma nemmeno in Parlamento dove maggioranza e opposizione, seppur divise nominalmente in due poli contraddistinti, rappresentano di fatto un solo schieramento. Vediamo perchè.

COME SI ARRIVA ALLE ELEZIONI 2022
Ogni cinque anni, dall’introduzione del sistema multipartitico nel 1992, si svolgono libere (quasi sempre) elezioni. Il sistema è quello di una Repubblica Presidenziale, in cui il Capo di Stato riunisce in pratica i poteri del Presidente e del Primo Ministro. Per effetto della Costituzione, un Presidente non può restare in carica per più di due mandati.
Nel 2022 quindi scadrà l’eleggibilità di Uhuru Kenyatta e ipoteticamente la caccia ad un nome nuovo o ad una vecchia volpe della politica nazionale è aperta.
Dopo l’instabilità etnico-sociale che portò al caos post-elettorale del 2008 (le elezioni si svolsero negli ultimi giorni di dicembre 2007) ed il referendum per approvare sostanziali modifiche della Costituzione, tra cui l’introduzione della Devolution e delle Contee, le votazioni dell’ottobre 2017 portarono seriamente la Nazione al limite della Guerra Civile. Lo storico candidato dell’opposizione Raila Odinga, rappresentante del partito Orange Democratic Movement (ODM) dopo aver rigettato la sconfitta e vinto il ricorso alla Corte Suprema per incostituzionalità delle elezioni, nella ripetizione della tornata elettorale, dichiarò nuovi brogli e si ritirò dalla competizione. Questa volta la Giustizia non gli diede ragione, decretando la vittoria del partito già al potere, il Jubilee.
La difficile gestibilità del Parlamento ed il rischio che il Paese potesse ripiombare in lotte intestine di stampo tribale, ha portato i due rivali di sempre, Uhuru Kenyatta e Raila Odinga (spinti e non poco dai creditori internazionali del Paese, in primis Cina e Stati Uniti) a sedersi ad un tavolo ed individuare una strategia che possa dare stabilità politica ed economica negli anni al Kenya.
E’ bastata una stretta di mano e i rapporti spesso cruenti tra maggioranza e opposizione, da sempre in Kenya identificati con l’ostilità delle due più potenti tribù, Kikuyu (Kenyatta, figlio del primo storico Presidente del Kenya indipendente) e Luo (Odinga, figlio del primo Vicepresidente e poi a lungo grande oppositore del potere), sono decisamente migliorati.

LA  BBI E L’INCOGNITA RUTO
Dietro allo “shaking hands” c’è di fatto una grande alleanza che cerca di indebolire il grande rivale, l’uomo evidenziato come elemento di instabilità perché appartenente ad una tribù minore ma ondivaga e molto agguerrita. L’attuale Vicepresidente William Ruto ha dietro di sé non solo i “suoi” Kalenjin, che da soli non gli permetterebbero di essere eletto ma si sono rivelati fondamentali per spostare voti sia per Odinga precedentemente, che per Kenyatta successivamente, ma anche parte della classe dirigente rampante del Paese, tra cui esponenti di tutte le etnie del Paese.
Come prima mossa, ha fondato un nuovo partito, il “Wheelbarrow” (partito della carriola), chiamando altre forze politiche minori ad una nuova alleanza, l’UDA (United Democratic Alleance) in cui sono confluiti non solo politici Kalenjin, ma anche esponenti di altre tribù e di formazioni interetniche.
Ruto è uomo di grande carisma e ha l’impatto sul popolo dell’uomo di successo che si è fatto da sé partendo dalla povertà e non come Uhuru e Raila nascendo con il cucchiaio d’argento in bocca e crescendo da rampollo miliardario.
Ma il Vicepresidente è sinonimo di futuro incerto anche per i mercati esteri e per chi vuole investire a lunga gittata in Kenya. Per questo la grande alleanza dei due leader di maggioranza e opposizione
si è inventata la BBI (Building Bridges Initiative) - https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/bbi--cos-e-e-cosa-sta-succedendo-in-kenya.html#CLICCA QUI PER SAPERE COS’E LA BBI – un programma condiviso che porterà ad un referendum nazionale per modificare ancora una volta la Costituzione. In questo caso si cercherà di trasformare la Repubblica da presidenziale a “oligarchica”, introducendo il ruolo del Primo Ministro accanto a quello del Presidente (come era accaduto per alcuni mesi dopo le rivolte del 2008, su consiglio del grande paciere Koffi Annan).
Questa modifica permetterebbe a Kenyatta di restare ai vertici dello Stato, come Primo Ministro e al vecchio Odinga di coronare finalmente il suo sogno, quello di suo padre e di tutta la popolazione Luo, di essere Presidente della Repubblica del Kenya.
Sotto di loro, secondo il disegno di legge suggerito dalla BBI, ben 2 vicepresidenti e 2 viceministri.
Ecco perché questa tornata elettorale sarà diversa da tutte le altre, perché a giugno si dovrà presumibilmente passare da un referendum che legittimerà o meno il cambiamento e di fatto potrebbe già sancire il prossimo Governo. In questo caso la campagna elettorale diventerebbe una pura e semplice caccia a poltrone già pronte per essere assegnate a chi si schiererà con la Grande Alleanza. I passaggi per arrivare al referendum stanno avvenendo in questi giorni e prevedono che ogni Parlamento delle 47 Contee approvi il disegno di legge BBI. Una volta che 24 Contee lo avranno fatto passare, il Governo chiederà a Senato e Camera (dove la maggioranza è schiacciante per via dell’alleanza stessa) di indire il referendum che, appunto, dovrebbe svolgersi in giugno.
Nel frattempo William Ruto, che ormai è assurto a unico vero leader della futura opposizione, pur paradossalmente occupando la poltrona di Vicepresidente, sta alla finestra cercando alleanze tra i delusi, gli scartati, gli assetati di potere, le minoranze indecise e i gruppi etnici che intravvedono la possibilità di non essere ben rappresentati dalla prima leadership Kikuyu-Luo della storia del Kenya.

LA SITUAZIONE ATTUALE
In questi giorni le varie Contee stanno discutendo e votando il programma BBI. Già 13 Parlamenti hanno deliberato a favore dell’iniziativa congiunta dei partiti Jubilee e ODM, mentre la sola Contea di Baringo, una delle 5 roccaforti di William Ruto, si è espressa con voto contrario.
Nei prossimi giorni dovrebbero arrivare i verdetti delle Contee della regione più vicina ai Luo, tra le terre Masai ed il Lago Vittoria e non dovrebbero esserci sorprese per la grande alleanza. Più incerte le Contee a nord del Paese, infestate già endemicamente da lotte intestine tra tribù e minate da conflitti per le terre da popolazioni seminomadi di pastori.
Alcune Contee hanno chiesto proroghe, forse per vedere come soffia il vento, mentre sarà decisiva anche la decisione delle 6 contee costiere, da sempre unite e quasi tutte a maggioranza ODM, dove però negli ultimi anni sono confluiti anche tanti parlamentari che vi erano entrati quando vi militava anche Ruto. Ora che il Vicepresidente ha preso una direzione diversa ed autonoma, sta nascendo l’idea di formare un partito della costa, che si potrebbe alleare con lo stesso Ruto, una volta assodato il suo ruolo di leader della nuova opposizione. Non pare molto propenso ad una soluzione del genere il Governatore di Mombasa Hassan Joho, fedele a Raila Odinga ed indicato anche come uno dei possibili futuri vicepresidenti. Per ora, insomma, anche in riva all’Oceano Indiano si gioca a carte coperte. Ma è questione di giorni (secondo Raila Odinga già questa settimana si potrebbe avere la maggioranza), e già molto prima di giugno e delle indicazioni referendarie si dovranno inevitabilmente fare le squadre ed iniziare i giochi.

TAGS: politica kenyaelezioni kenyapartiti kenyareferendum kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Convegno a Nairobi sul Referendum Costituzionale organizzato in collaborazione con Senza Bavaglio Centro Studi per il Giornalismo.
Parteciperanno il costituzionalista Lorenzo Spadaccini, professore all’università di Brescia, il professore di economia Giovanni La Torre ed il senatore del Movimento Cinque Stelle...

LEGGI TUTTO

Da un'approfondita e quotidiana lettura della situazione politica attuale in Kenya, emerge sicuramente un quadro confuso e di difficile interpretazione di quel che potrebbe accadere il 26 ottobre, giorno delle nuove elezioni presidenziali. Ma anche immediatamente prima e subito dopo.

Il Kenya si avvia verso il referendum costituzionale per cambiare 58 articoli delle sue leggi...

LEGGI L'ARTICOLO

Da quest'anno anche chi trascorre buona parte dell'anno in Kenya ma non è residente iscritto all'Associazione Italiana Residenti all'Estero (AIRE) può votare al prossimo Referendum costituzionale italiano dal suo luogo di villeggiatura, purché stia trascorrendo un periodo di soggiorno superiore ai...

LEGGI TUTTO

Le nuove elezioni del Kenya si svolgeranno martedì 17 ottobre.
Lo ha deciso la Commissione Elettorale IEBC, la stessa che è stata chiamata in causa dalla Corte Suprema del Kenya per non aver condotto le votazioni dello scorso otto agosto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Uhuru Kenyatta sarebbe confermato Presidente della Repubblica del Kenya.
Questo dice il più recente sondaggio dell'agenzia specializzata IPSOS, che segnala il leader del partito di Governo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si chiama Umoja Summit Political Party (sigla USPP) ed è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La folta comunità di Italiani residenti, turisti, possessori di seconde case si confronta con il prossimo referendum costituzionale. 
A Watamu è stato creato il Comitato per il Sì, che vuole diffonderne le ragioni presso i connazionali che votano attraverso le...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya saluta il suo secondo Presidente della Repubblica dopo il Padre della Patria...

LEGGI L'ARTICOLO

La Commissione Elettorale del Kenya chiede tempo per produrre i risultati ufficiali delle elezioni nazionali del 2017.
Il presidente della IEBC, Wafula Chebukati, ha rilasciato una dichiarazione ufficiale davanti alla stampa nazionale ed internazionale.
"Vi chiedo di attendere i risultati...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' schermaglia politica in Kenya sulla data annunciata lunedì dalla commissione elettorale IEBC delle nuove elezioni.
Martedì 17 ottobre, data indicata dopo l'annullamento della Corte Suprema, è stata decisa dalla IEBC in anticipo sui tempi massimi previsti (si potrebbe andare...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Oltre sette mesi di crisi politica con due elezioni, ricorsi, minacce, giuramenti, manifestazioni ed ogni altra varietà di incidenti diplomatici e non.
Ora, con una conferenza stampa tanto improvvisa quanto sorprendente, il ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Le prossime elezioni politiche in Kenya, previste per il 2022 ma che molti parlamentari vorrebbero anticipare ad agosto 2021, perdono uno dei protagonisti assoluti della...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La Corte Suprema del Kenya ha accolto il ricorso dell'Opposizione rappresentata dall'Alleanza Nasa e dal suo candidato presidente Raila Odinga, annullando il risultato delle elezioni nazionali.
Ciò rappresenta un fatto senza precedenti in una Repubblica del Continente africano.
I giudici della Corte,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sei mesi di campagna elettorale e tre di post elezioni hanno rallentato i piani del Kenya per quanto riguarda la crescita economica, ma non sembrano essere in grado (per fortuna) di fermare lo sviluppo del Paese in termini di infrastrutture...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'Ambasciatore degli Stati Uniti d'America in Kenya Robert Godec è intervenuto a mezzo stampa sulle prossime elezioni presidenziali in Kenya.
"Non abbiamo un candidato preferenziale - ha detto Godec alla stampa keniana - per noi è importante che il nuovo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO