Ultime notizie

SCOPERTE

Non solo l'uomo, anche il primo mammifero della storia era keniano

Da un fossile ricostruita l'interessante e misteriosa vita del Rusingoryx

13-10-2018 di redazione

La scoperta è stata fatta due anni fa sulle rive del Lago Vittoria in Kenya e da allora gli studiosi dell'Università di Archeologia dell'Ohio hanno portato avanti una ricerca che ha permesso di accertare senza alcun dubbio che il primo mammifero della storia viveva in Kenya ed è il più lontano parente dello gnu della savana.
Le ricerche sono partite dal ritrovamento di un fossile di una creatura finora sconosciuta, un animale simile appunto allo gnu, ma con una strana struttura nasale che parrebbe più quella di un dinosauro piuttosto che quella di un mammifero.
La creatura preistorica è stata denominata “Rusingoryx”, poiché la scoperta è stata effettuata in una località del Lago Vittoria chiamata Rusinga.
Il Rusingoryx viveva con ogni probabilità nelle savane africane nel Pleistocene, decine di migliaia di anni fa, e la curiosa sporgenza a forma di mezzaluna sulla sua testa lo rende diverso da qualsiasi altro animale mai studiato finora.
La strana conformazione lo fa somigliare piuttosto a un adrosauride, della famiglia di dinosauri ornitischi appartenenti al sottordine degli ornitopodi, caratteristici del Cretacico superiore.
"La cresta nasale cava permetteva al Rusingoryx di produrre un suono molto basso, simile a quello di un corno, utile per comunicare su lunghe distanze con altri capi della sua mandria" ha spiegato il paleontologo Haley O'Brien, capo spedizione dell'Università dell'Ohio.
I ricercatori ipotizzano che l'apparato nasale del Rusingoryx potrebbe avergli permesso di effettuare le chiamate vocali con "infrasuoni" che altre specie non potevano sentire. Soprattutto i suoi predatori. Questo gli avrebbe permesso di resistere e sopravvivere in quei tempi.
I fossili di Rusingoryx, che probabilmente era circa delle dimensioni dell’attuale gnu ed erbivoro come lui – datano la sua presenza a circa 55.000 a 75.000 anni fa.

TAGS: rusingorixprimo mammiferomammiferi kenyapaleontologia kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Lo hanno chiamato “Simbakubwa”, il grosso leone in lingua kiswahili, ma in realtà l’enorme...

LEGGI L'ARTICOLO

La foresta di Kakamega è l'ultimo angolo in Kenya della grande foresta pluviale tropicale che si...

LEGGI L'ARTICOLO

Da giovedì 23 marzo a domenica 27 le imbarcazioni del Kenya Wildlife Service saranno impegnate nella più grande operazione di censimento marino mai svolta nelle acque territoriali keniane.
Lo ha annunciato il portavoce del KWS Paul Gatitu, che ha illustrato...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Finalmente il Kenya ha detto stop alla macellazione indiscriminata di asini, ordinando la chiusura di tutti i ...

LEGGI L'ARTICOLO

Dalla stagione turistica entrante in Kenya si potrà tornare ad ammirare con più facilità i rinoceronti anche nel Parco Nazionale dello Tsavo, e precisamente nel Rhino Sanctuary dello Tsavo East...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La foresta di Arabuko Sokoke è la più antica, grande e intatta foresta pluviale dell'Est Africa, un polmone essenziale di natura verde che si estende per 420 chilometri quadrati nella zona della costa nord del Kenya tra Kilifi, Gede e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Due ippopotami trovati decapitati, un altro nella morsa di una trappola mortale, il classico laccio di acciaio stretto alla gola.
Il segnale inquietante che la caccia...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Avvistate sulle coste del Kenya le più grandi balene del mondo.
Alcuni...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Governo del Kenya ha deciso di piantare 20 milioni di nuovi alberi per contrastare il fenomeno della deforestazione.
Il patrimonio forestale del Paese ha subito gravi danni, soprattutto dal 1970 al 1990, principalmente per via della produzione di legname...

LEGGI TUTTO

Il Kenya ha lanciato il suo primo censimento nazionale della fauna selvatica.
Si tratta di un...

LEGGI L'ARTICOLO

Anche quest'anno nella prima settimana di settembre si celebra un evento unico in tutta l'Africa subsahariana: il "Maralal International Camel Derby".
Il festival internazionale dei cammelli si tiene sabato e domenica nella cittadina keniota di Maralal, nella regione del Samburu, non distante...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya si conferma sempre più terra di rarità faunistiche che resistono ai danni della civilizzazione estrema e a...

LEGGI L'ARTICOLO

Ci sono ancora tante persone che, pur approcciandosi all’Africa e alla sua natura selvaggia, non sanno che l’animale più pericoloso ed efferato non è il ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Gli scatti africani e kenioti del grande fotografo naturalista italiano Gianni Maitan diventano eleganti borse da viaggio in pelle, in una linea unica di lusso creata dallo stesso...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sono iniziate ieri mattina a Watamu le riprese di un nuovo film italiano che racconta storie d’Africa.
Per volere...

LEGGI L'ARTICOLO

Anche quest'anno tra la fine di agosto e la prima settimana di settembre si celebra un evento unico in tutta l'Africa subsahariana: il "Maralal International Camel Derby".
Un festival in grado di attrarre ogni anno moltissimi turiosti provenienti da tutto il mondo, tra...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO