Opinioni

OPINIONI

Kenya Kimbo, chi sono e cosa dicono di loro i keniani

Il sarcasmo locale sui "mzungu" africanizzati e non ricchi

20-06-2023 di Freddie del Curatolo

Da sempre, tra la popolazione locale, ci sono svariati modi e locuzioni verbali per definire meglio il generico “mzungu”, ovvero l’uomo bianco che non sia propriamente un “mtalii” (turista) o un “mgeni” (ospite). Specialmente quelli che, con il passare degli anni e delle generazioni, sono entrati a far parte della collettività e si comportano bene o male come i keniani.
D’altronde, fin dai tempi degli indiani che arrivarono alla fine dell’Ottocento e iniziarono ad integrarsi nel paese, con abitudini, modi di vivere e lavorare che entrarono poi nella quotidianità della società dell’Africa orientale (tanto che qualche anno fa l’allora presidente Uhuru Kenyatta ha celebrato l’ingresso degli indiani nel novero delle 47 tribù della nazione), il Kenya ha sempre accolto e si è in qualche modo confrontato con popolazioni straniere di cui un certo numero di persone avrebbero messo radici nel paese.
E stato naturale, quindi, fare i dovuti distinguo, ad esempio, tra “British”, che suona inevitabilmente ancora un po’ coloniale, e “Kenya Cowboys”, ovvero gli ex (o i figli, oggi i nipoti) latifondisti, agricoltori o allevatori, che si presero gli altipiani a nord e nord ovest di Nairobi e crearono buona parte del patrimonio su cui ancora oggi si sviluppano la produzione agricola, il commercio e l’esportazione del Kenya: piantagioni di tè e di caffè, di frutta e fiori e filiere collegate all’utilizzo della carne e di prodotti caseari.
Con l’avvento del turismo, dagli anni Ottanta in poi, dall’Europa, e nelle regioni costiere soprattutto da Germania e Italia, è arrivato un altro genere di “mzungu” che poi ha deciso di rimanere nel paese, anche perché spesso si è trovato a non avere altra scelta, per questioni affettive o economiche (due aspetti che spesso, particolarmente in Africa, combaciano).
Questi occidentali vengono chiamati “Kenya Kimbo”. Recentemente, una semiseria ricerca pubblicata dal quotidiano The Standard, ha ripercorso la storia dei Kk. Ma prima di tutto, bisogna tornare indietro all’etimo, al perché vengono chiamati così.
Il “Kimbo” è un condimento vegetale simile alla nostra margarina, che serve prevalentemente per friggere ed ha prezzi competitivi rispetto all’olio di semi e addirittura a quello di palma che di solito viene utilizzato dalla gente comune per cucinare ogni alimento. In Kenya, si sa, l’olio di oliva è stato introdotto tardivamente dalle abitudini degli italiani, in quanto gli inglesi hanno sempre preferito cucinare con il burro o, quando necessario (per le fritture, appunto) appunto con l’olio di semi. Roba da ricchi, usato come condimento sulle tavole dei ristoranti e nelle insalate della gente benestante. Il Kimbo non è solo abbordabile, ma è anche completamente bianco. Ecco perché chiamare un “mzungu” che si è adattato alla vita “povera” keniota, come questo prodotto, oltre a far sorridere suona azzeccatissimo.
Chi sono i Kenya Kimbo, di cui oggi tra Nairobi e le principali città keniane e la costa si sente sempre più spesso parlare?
Secondo lo Standard sono quei bianchi che “pur essendo arrivati nel paese piuttosto carichi, sono stati truffati o hanno perso denaro a causa dei loro astuti amanti kenioti mentre si godevano la vita esotica”. Ma è una generalizzazione, e lo stesso estensore dell’articolo ammette che si può definire Kenya Kimbo anche semplicemente quei “mzungu” che ormai sono naturalizzati africani perché hanno vissuto in Kenya per anni e sono addirittura “più locali dei locali”.
Ed effettivamente i KK “sanno contrattare, tanto da far pensare che vogliano "comprare le cose gratis". Come gli elefanti, non dimenticano mai e sgridano il negoziante che pensa di fregarli, citando l'importo - fino all'ultimo centesimo - di ciò che intendono acquistare, avendo probabilmente frequentato il negozio in precedenza”.
Sono l’esatto opposto dei nababbi, o degli splendidi nuovi arrivati, attenti alle promozioni e agli sconti nei negozi di alimentari, tanto che “se amassero l’ugali, sarebbero probabilmente i primi a mettersi in fila per acquistare la farina a 90 scellini al kilo” durante le offerte speciali.
Non spendono in lussi inutili e preferiscono viaggiare in matatu o bodaboda invece di sprecare soldi in taxi e tuktuk. Mangiano spesso nei “vibanda”, i chioschi locali dove solitamente per gli occidentali (ma non per stomaci ed intestini allenati come i loro) dissenteria e salmonella sono di casa, e comprano vestiti dai “mitumba”, le bancarelle locale dove sono ammassati i capi di seconda mano. Non comprano acqua minerale ma fanno bollire quella poco potabile dell’acquedotto, non bevono caffè all’europea ma il tè dei chioschi, facendo colazione con i “mahamri”, i krapfen locali, da 10 centesimi di euro. Il loro controllatissimo budget? Due euro al giorno (oggi, quindi 300 scellini). Secondo il giornalista keniano, il Kenya Kimbo ha più o meno gli stessi problemi dei keniani semi-poveri, “la mancanza di denaro e la necessità di guadagnarsi da vivere” e dal pomeriggio frequentano i pub cercando qualcuno che gli offra da bere e che in qualche modo possa cambiare le sue sorti. Nel vivere spesso di espedienti (ad esempio, come fanno a non tornare mai in Europa pur non avendo la residenza in Kenya?) oppure spendendo tutti i risparmi nel permesso di soggiorno (perché, vale la pena dirlo, ci sono anche i Kenya Kimbo onesti, specialmente tra i pensionati) anche se l’autore della disamina non ci va leggero: “per soggiornare legalmente nel paese, gli stranieri devono avere un passaporto, un visto o anche un permesso di lavoro. Ma per il Kenya Kimbo, la maggior parte ha superato il periodo di accoglienza e, non potendo tornare a casa con il nuovo status, preferisce rimanere qui, anche se illegalmente. Altri si sono fatti confiscare i documenti dai loro amanti che li usano come fonte di estorsione”.
I KK sanno che “i loro giorni migliori appartengono al passato e li si può sorprendere a vantarsi: "Se queste persone mi avessero visto due anni fa, quando avevo i soldi, non mi avrebbero parlato in questo modo", coltivando il pettegolezzo come alta forma di cultura e comunicazione, riunendosi in gruppo per criticare il nuovo KK che si è aggiunto alla loro schiera. Altri fungono da intermediari per i nuovi stranieri che vogliono investire nel Paese. Sciorinano due parole di swahili, a volte conoscono anche intercalare dei dialetti della zona in cui abitano. Ma non sono più rose e fiori, per loro, i tempi sono diventati duri per tutti, anche per loro che “conoscono l'arte della corruzione: possono lavorare con i funzionari governativi, dalla polizia agli ufficiali dell'immigrazione”.
Un ritratto così poco lusinghiero rivela anche una punta di razzismo, della serie “a cosa serve un “mzungu” se non è ricco?”
Così conclude la dotta disquisizione della stampa keniana sui Kenya Kimbo: “Sono dei sopravvissuti incalliti. Che sia il tetto a perdere o che siano stati cacciati di casa per l'affitto accumulato, piuttosto dormiranno in macchina, finché ne avranno una. E se non possono permettersi il biglietto per tornare in patria, si limiteranno a vagare in eterno, fingendo di fare trekking per "tenersi in forma".

TAGS: kenya kimbomzunguintrallazziresidenza

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 16 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Storie d'altri tempi o di tempi semplicemente diversi dai nostri. A Malindi uno dei tanti figli di un anziano padre di famiglie (e il plurale è d'obbligo, data la poligamia della tribù locale) dopo la morte del padre ha deciso...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I cittadini stranieri che dall’inizio dell’emergenza pandemia in Kenya, ovvero...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il prossimo 12 giugno 2022 gli italiani voteranno cinque referendum popolari che riguardano...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya ha venduto il primo carico di greggio prodotto nel suo territorio.
Ieri il ...

LEGGI L'ARTICOLO

Avrebbe abusato di una quindicenne, attirata a casa sua con la promessa di pagarle gli studi.
Questa...

LEGGI L'ARTICOLO

Per chi vive e lavora in Kenya, viene assunto da dipendente o vi si è stabilito come pensionato, c’è...

LEGGI L'ARTICOLO

Convegno a Nairobi sul Referendum Costituzionale organizzato in collaborazione con Senza Bavaglio Centro Studi per il Giornalismo.
Parteciperanno il costituzionalista Lorenzo Spadaccini, professore all’università di Brescia, il professore di economia Giovanni La Torre ed il senatore del Movimento Cinque Stelle...

LEGGI TUTTO

In vendita una graziosa residenza a pochi passi dall'Oceano Indiano, sulla spiaggia di Silversand, in residence con piscina e accesso diretto alla spiaggia.
La villetta è composta da soggiorno, cucina, veranda, una camera con bagno e guardaroba. 
Al primo piano, raggiungibile...

Premesso che il Kenya ad oggi rientra tra i paesi di cui all’allegato E del dpcm del 7/8/2020, decreto...

LEGGI L'ARTICOLO

Per il pagamento delle pensioni (oltre 411 mila) agli aventi diritto residenti all’estero (in 131 Paesi), l’INPS si avvale di un istituto di credito aggiudicatario di una gara d’appalto che viene rinnovata con cadenza triennale.
 

LEGGI TUTTE LE INFORMAZIONI

Aumentano le sanzioni per gli italiani che vivono all’estero, quindi anche in Kenya, e non si iscrivono...

LEGGI L'ARTICOLO

Galeotta fu la prima “residenza artistica” in Kenya. Si tratta di una possibilità che il nostro Ministero degli Esteri...

LEGGI E GUARDA IL VIDEO

In tredici anni di attività del Portale degli Italiani in Kenya e nella relativamente breve vita delle...

LEGGI L'ARTICOLO

Riceviamo e volentieri pubblichiamo dal parlamentare Marco Fedi (PD), eletto dai residenti italiani all'estero nella Circoscrizione Africa, Asia e Oceania le nuove regolamentazioni per i residenti all'estero, utili per poter ottenere detrazioni per carichi di famiglia.

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Il primo dei reportage allestiti dalla rivista di moda e costume Diva & Donna aveva riguardato le rovine di Gede, che avevano fatto da scenografia alla presentazione di una linea estiva molto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La Gran Bretagna ha aggiunto il Kenya, insieme ad altre tre nazioni, nella lista “rossa” dei Paesi più...

LEGGI L'ARTICOLO