Editoriali

RETROSPETTIVA

Il meglio del nostro 2021, mese per mese

Come un calendario, tra servizi, battaglie e curiosità

02-01-2022 di Freddie del Curatolo

Un altro anno difficile è passato, il secondo in cui abbiamo cercato comunque di viaggiare il più possibile in giro per l’amato Kenya e raccontarvelo nelle sue pieghe più nascoste e negli angoli che valgono la pena essere scoperti e proposti nella maniera giusta. Tra restrizioni, coprifuochi e tante attività turistiche chiuse o, loro malgrado, ridimensionate, siamo riusciti comunque a fornirvi tanti articoli, reportage, storie e servizi interessanti, spesso corredati dalle immagini di Leni.
Eccovi una carrellata, come fosse un calendario virtuale di Malindikenya.net, dei servizi più rappresentativi di un 2021 che lasciamo alle spalle, promettendovi di fare il possibile per raccontarvi un 2022 ancora più interessante e speriamo migliore per tutti.

GENNAIO
Fenicotteri alla foce del fiume Sabaki

E chi l’avrebbe detto che a pochi chilometri da Malindi, in alcuni periodi dell’anno, si può ammirare uno spettacolo comparabile a quello dei più celebrati laghi vulcanici della Rift Valley, come Baringo, Nakuru e Bogoria? Invece è così, la migrazione dei fenicotteri rosa passa anche dall’oceano indiano e l’occhio discreto di Leni Frau li ha catturati. Ne abbiamo parlato il 19 gennaio in questo articolo: https://www.malindikenya.net/it/articoli/notizie/ultime-notizie/sabaki-ecosistema-da-salvare-amato-dai-fenicotteri-.html

FEBBRAIO
L’impegno per salvaguardare Malindi

Nemmeno la pandemia e l’impossibilità di aggregarsi ha fatto venir meno l’impegno dei cittadini responsabili di Malindi, uniti sotto l’egida del movimento “Malindi Green And Blue” di cui siamo stati tra i fondatori. Ogni secondo sabato del mese siamo andati avanti a pulire la città, zona per zona, ed educare i residenti al riciclo e ad abitudini più sane e rispettose. Anche quando è stato vietato di radunarsi in più di dieci persone, gli organizzatori si sono inventati una frammentazione intelligente della raccolta di rifiuti, ognuno “adotta” un quartiere, una strada, un circondario. Il 14 febbraio Leni Frau ha aggiunto le sue significative immagini a questo articolo: https://www.malindikenya.net/it/articoli/sociale/ambiente/un-sabato-di-pulizia-e-sensibilizzazione-a-kisumu-ndogo.html

MARZO
Natura e tradizione: nella foresta sacra di Kaya Kinondo

La costa del Kenya riserva tante sorprese e di certo non si limita alle località più conosciute e frequentate dagli italiani come Malindi e Watamu. A Marzo ci siamo recati a sud di Mombasa, a Diani Beach in particolar modo per dare visibilità ai progetti naturalistici della connazionale Luciana Parazzi, per la protezione dei colobi, scimmie sempre più rare e delle tartarughe. Ma abbiamo anche visitato una delle poche foreste pluviali autoctone del Kenya che sta scomparendo, mangiata a pezzetti dal progresso. La foresta di Kaya Kinondo, oltretutto, è considerata sacra dalla tribù Digo dell’etnia Mijikenda, perché sede ancestrale di riti e di raccolta di erbe curative. L’abbiamo visitata e raccontata il 28 marzo, con il supporto delle immagini. Qui l’articolo: https://www.malindikenya.net/it/articoli/notizie/reportage/a-kaya-kinondo-tra-natura-storia-e-magia.html

APRILE
Nel piccolo mondo nascosto di Tarasaa

Un paio d’ore di macchina a nord di Malindi, seguendo il corso del fiume Tana fino al mare, laddove si mescola con sabbie mobili, mangrovie e saline, si scopre un piccolo angolo d’Africa che sembra lontano anni luce, perduto nello spazio e nel tempo. Non basta attraversarlo, bisogna tuffarcisi, entrare nei villaggi, parlare con gli anziani che da una vita lottano con la mancanza d’acqua e i raccolti e con i giovani che macinano chilometri per poter frequentare la scuola.
Noi ci siamo stati e ne abbiamo parlato alla nostra maniera, mentre Leni scattava suggestive foto. Qui l’articolo del 27 aprile: https://www.malindikenya.net/it/articoli/notizie/reportage/nel-mondo-nascosto-di-tarasaa-a-2-ore-da-malindi.html

MAGGIO
La nostra battaglia per salvare i baobab

Da tempo Malindikenya.net, nel tempo libero, gira le zone costiere del Kenya per predisporre una mappatura dei baobab millenari, le iconiche piante che più di tutte le altre rappresentano il continente africano. Purtroppo molti di questi “grandi vecchi” che non sono solo un bene dell’ambiente ma anche il fulcro di storie, tradizioni, costumi e tanto altro, vengono uccisi dall’avidità e dalla stupidità umana per far posto a case o altre strutture di cemento. Per alcuni siamo arrivati troppo tardi, altri invece li abbiamo segnalati alle autorità o siamo riusciti a collaborare con comunità e associazioni locali per proteggerli. Nel frattempo raccontiamo la loro storia. Il 16 maggio purtroppo uno di questi grandi baobab, che da sempre giaceva ai bordi di una delle strade principali di Malindi, è collassato. Lo abbiamo ricordato qui: https://www.malindikenya.net/it/articoli/notizie/ultime-notizie/il-baobab-gigante-caduto-sulla-strada-di-malindi.html

GIUGNO
L’incomparabile maestà del “Grande Profeta”

 

Approfittando di un weekend di lavoro in una struttura turistica della zona, a giugno ci siamo ritrovati al cospetto della montagna più alta d’Africa e l’abbiamo ritratta, tra leggende, credenze e un presente sempre così difficile da sopportare in cui ogni riferimento, anche mitico, del creato è in pericolo per l’emergenza climatica e l’empietà umana. Ecco l’articolo e la galleria fotografica di Leni Frau. https://www.malindikenya.net/it/articoli/notizie/reportage/kilimanjaro--al-cospetto-del-grande-profeta.html

LUGLIO
Un castello africano ricco di memorie e di benessere

La storia dell’avventuriero e agronomo Ewart Grogan, che nei primi del Novecento s’incamminò a piedi da Città del Capo al Cairo dove arrivò dopo due anni di peripezie e pericoli, s’intreccia con quella di un castello unico nel suo genere in tutto l’Est Africa, nel luogo che lo stesso Grogan ribattezzò “il verde paradiso del continente” e dove si sarebbe ritirato nella sua vecchiaia.
Abbiamo visitato questi luoghi, parlato con chi custodisce questa storia e ha trasformato il Grogan Castle di Taveta in un boutique hotel speciale. Qui il servizio del 1 luglio e le immagini di Leni che lo completano: https://www.malindikenya.net/it/articoli/attivita/ospitalita/relax-storia-natura-e-panorami-nel-castello-di-grogan.html

AGOSTO
A Ukunda, nel “retrobottega” del paradiso di Diani

Dietro ogni destinazione turistica, qualsiasi gioiello di incanti, relax e piacere, c’è un’anima commerciale, spesso “brutta sporca e cattiva”. In questo caso, però, la cittadina di Ukunda che è il vero cuore pulsante della località balneare keniana di Diani Beach, è qualcosa di interessante, a partire dal mercato, dalla sua gente e dalle situazioni così tanto africane che si possono incontrare. Un passaggio a Ukunda, come abbiamo fatto noi e raccontato in questo reportage del 26 agosto, è assolutamente da fare per capire che il turismo può aprire le porte a decine di mondi paralleli da conoscere, amare e proteggere. https://www.malindikenya.net/it/articoli/notizie/reportage/ukunda-fascino-crudo-e-reale-dietro-le-quinte-di-diani.html



SETTEMBRE
La pace benefica del Lago Jipe, paradiso sperduto

In mezzo ai grandi parchi e riserve del Kenya, nei luoghi lunari o completamente distanti dal mondo civilizzato, immersi nella più selvaggia vita in cui l’essere umano diventa solo uno degli animali più fortunati e meno nobili, ci sono piccole perle sperdute e dimenticate che meritano di essere visitate e riscoperte. Una di queste, in cui ci siamo felicemente imbattuti, è il Lago Jipe, al confine con Kenya e Tanzania, ai margini dello Tsavo Ovest. Un luogo di incanto e serenità, con paesaggi che sembrano quadri impressionisti. Le bellissime immagini di Leni Frau cercano di rendere giustizia a tale bellezza, le nostre parole forse non riescono a farlo come vorrebbe chi ha visto questi luoghi. Ne abbiamo parlato il 25 settembre qui: https://www.malindikenya.net/it/articoli/notizie/reportage/la-verde-e-azzurra-pace-del-lago-jipe.html

OTTOBRE
La difficile vita di lago dei pescatori di Karagita

Tra i luoghi che abbiamo avuto la fortuna di visitare per poterli raccontare agli italiani che amano il Kenya, c’è anche il lago Naivasha. Oltre a raccontarne gli angoli di bellezza, le verdi colline che si tuffano nello specchio d’acqua dolce, i fiori, la natura e gli animali, abbiamo voluto indagare sugli aspetti più crudi e reali della realtà alle porte della cittadina che dà il nome al lago, dove le cooperative di pescatori stanno vivendo momenti drammatici. Pochi giorni dopo il nostro reportage, uno dei pescatori che abbiamo incontrato, è stato ucciso da contrabbandieri di pesce.
Qui il nostro articolo del 7 ottobre e il fotoservizio di Leni. https://www.malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/lavoro-morte-e-faticosa-vita-di-lago-a-karagita.html

NOVEMBRE
Tra i misteri delle rocce di Mutomo

E’ uno dei luoghi meno battuti e conosciuti del Kenya meridionale, appena a nord dello Tsavo Est sulla strada che da Kibwezi porta a Kitui. Ora che i cinesi hanno asfaltato questo tratto, le rocce di Mutomo risaltano in lontananza. Impossibile, per due curiosi come noi, assetati di storie e leggende del Kenya, non fare una visita. Abbiamo scoperto tante cose...qui l’articolo e le immagini del 11 novembre: https://www.malindikenya.net/it/articoli/notizie/reportage/mutomo-tra-giganti-di-pietra-leggende-e-aspra-bellezza.html

DICEMBRE
In un antro dimenticato dalla storia del Kenya

L’ultimo reportage del 2021 è dedicato ad un luogo talmente seppellito dalla memoria del Kenya che abbiamo dovuto fare salti mortali per poterlo visitare e fotografare: è il castello di Macmillan, che per tutto il secolo scorso è stato teatro di incontri di ogni genere, con tutti i retroscena possibili e immaginabili. Da cui sono passati Roosevelt, Churchill, Ava Gardner, Karen Blixen e perfino Amedeo d’Aosta, oltre a guerrieri Mau Mau e libertini d’ogni nazionalità. Qui il reportage: https://www.malindikenya.net/it/articoli/notizie/reportage/nel-castello-di-mcmillan-dimenticato-dal-kenya.html

 

TAGS: facts 2021malindikenya.net 2021reportage kenyafatti 2021

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Dal 1 marzo 2021 in Kenya per chi vende soggiorni o affitta case sulla piattaforma Booking.com...

LEGGI L'ARTICOLO

Le ultime classi della scuola primaria e secondaria del Kenya riprenderanno le lezioni ...

LEGGI L'ARTICOLO

E’ ufficiale, dal 1 gennaio 2021 per entrare in Kenya sarà valido solamente il visto online.
Il sistema Evisa...

LEGGI L'ARTICOLO

E’ ufficiale, dal 1 gennaio 2021 per entrare in Kenya sarà valido solamente il visto...

LEGGI L'ARTICOLO

Dopo aver aperto per dare un segnale del 2021 a Malindi all'insegna di servizi e piacere, lo...

LEGGI L'ARTICOLO

Le scuole in Kenya riapriranno non più tardi del prossimo 19 ottobre, così ha deciso il ...

LEGGI L'ARTICOLO

Il turismo in Kenya è in netta ripresa e manda segnali di ottimismo per il proseguo della stagione. Questo...

LEGGI L'ARTICOLO

Cambiano le regole per tornare in Italia dal Kenya.
Da oggi per il Governo italiano, chiunque torni o arrivi da uno...

LEGGI L'ARTICOLO

A partire dallo scorso 24 maggio 2021, ai sensi dell’art. 3 dell’Ordinanza del 14 maggio 2021, chiunque faccia...

LEGGI L'ARTICOLO

Ci si aspettava di peggio.
Dal Presidente Uhuru Kenyatta, al termine della...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya alle prese con l’aumento esponenziale di casi di Covid-19 e con il più alto numero di...

LEGGI L'ARTICOLO

I genitori degli alunni keniani stanno sollevando preoccupazioni circa la ripresa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya è stato votato tra le venti mete del mondo dove i turisti vorrebbero recarsi quando...

LEGGI L'ARTICOLO