Ultime notizie

CRONACA

Kenya scioccato dai crimini della 'setta dei digiuni'

Già 145 vittime, ma potrebbero essere più di 500

11-05-2023 di Freddie del Curatolo

Il Kenya è sempre più sconvolto dal caso dell’ormai tristemente nota “setta dei digiuni” di Shakaola, nell’entroterra costiero lungo la strada per il parco nazionale dello Tsavo Est,ad una settantina di chilometri da Malindi. 

Il fondatore di questo culto protestante “estremo”, il predicatore Paul Mackenzie Nthenge, è agli arresti nella stazione di polizia di Malindi e dovrà rispondere di omicidio ed altri reati collegati alla morte di almeno 145 suoi seguaci, ma la polizia ritiene che possano essere addirittura 579 le persone che hanno accolto il suo folle invito all’astinenza dal cibo “per poter incontrare Gesù in paradiso”. 

I corpi rinvenuti fino ad oggi, mentre le ricerche che erano state sospese per le piogge sono riprese nei giorni scorsi, erano seppelliti in fosse comuni e tra di loro ci sono molti bambini. Le autopsie sui corpi delle vittime hanno rivelato che quasi tutti sono deceduti per via della denutrizione ma alcuni di loro presentavano anche segni di strangolamento ed asfissia. Secondo quanto riferito dai media nazionali che hanno avuto accesso a documenti degli investigatori, ad altre vittime sarebbero stati anche asportati organi vitali, ma il ministro degli Interni Kithure Kindiki avrebbe smentito il rapporto della Direzione investigativa criminale, a quanto riferito dal quotidiano The Standard, mettendo in guardia l'opinione pubblica su una possibile "politicizzazione" delle indagini sul "massacro di Shakaola". 

Kindiki, ha parlato comunque di una vera e propria “organizzazione criminale”,  Il sedicente pastore, infatti, non avrebbe agito da solo: in cella con lui c’è anche la moglie, Rhoda Maweu, con altri 16 presunti complici. I misfatti cominciavano dal fatto che per vivere nel terreno di proprietà di Mackenzie a Shakaola, gli adepti lasciavano i loro beni materiali alla “Chiesa internazionale della buona novella” di Malindi ed acquistavano una porzione di foresta, dove avrebbero potuto pregare e praticare il digiuno imposto dal sedicente pastore. Tra i legami di Mackenzie ci sarebbe anche quello con un pastore molto più famoso e seguito di lui, Ezekiel Odera, fondatore di un’altra chiesa a Kilifi che ha creato, attraverso un suo canale televisivo, un impero visibile anche dalla strada che dal capoluogo della contea porta verso Mariakani. Una serie di palazzi con centro conferenze e ostelli che si propone come un polo religioso alternativo per un nuovo culto di massa legato al cristianesimo.

Anche Odera risulta tra gli indagati, pur essendo stato rilasciato su cauzione. I suoi conti bancari sono stati congelati e le indagini stanno verificando ipotizzati movimenti di denaro tra lui e Mackenzie. A parte la tragedia di decine e decine di morti indotte, di sepolture di massa e delitti di minori, l’allarme riguarda il proliferare di culti di affaristi senza scrupoli che attraverso l’approccio ingenuo della popolazione locale verso Dio e la religione, saccheggiano innocenti fino alle soluzioni più estreme. Su questo soprattutto il governo è chiamato a risposte concrete, oltre che a risolvere i misteri legati al “massacro di Shakaola”. Il Procuratore Generale Justin Muturi, ha in qualche maniera ammesso di essere impotente nel fermare le istituzioni religiose di culto che approfittano e predano i kenioti più vulnerabili. Come riporta Citizen Digital, Muturi ha dichiarato alla Commissione costituita ad hoc dal Senato per discutere del "culto di Shakaola", che il suo ufficio e soprattutto quello del registro delle società non hanno il potere di fermare le istituzioni religiose che violano la legge.

Così la "setta dei digiuni" proliferava indisturbata: le future vittime della lucida follia del predicatore arrivavano da ogni parte del paese, non solo da Malindi e dintorni, convinte dalle prediche su youtube di Mackenzie che, dopo aver condotto le sue preghiere in un edificio malindino, aveva chiuso la chiesa nel 2019 ed aveva trasferito tutto a Shakaola. Nelle sue prediche, che non erano passate inosservate ad associazioni per i diritti umani e società civile, ma erano state ignorate dalle istituzioni, il sedicente pastore convinceva anche i giovani ad abbandonare la scuola per unirsi ai suoi accoliti.

TAGS: cultosettavittimepredicatore

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 16 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Dopo giorni di ricerche nella foresta, di risalto nazionale con l’intervento del presidente Ruto, di...

LEGGI L'ARTICOLO

Nella foresta di Shakaola, una sessantina di chilometri all’interno di Malindi, si continua...

LEGGI L'ARTICOLO

La più incresciosa vicenda di culto e morte di sempre in Kenya, il cosiddetto “massacro di Shakaola” nell’entroterra...

LEGGI L'ARTICOLO

Sono saliti a 39 i corpi seppelliti nel terreno di proprietà del “pastore” di Malindi Paul Mackenzie, arrestato...

LEGGI L'ARTICOLO

Dopo più di nove mesi dall’inizio delle indagini e dal suo arresto, finalmente la Procura della Repubblica del...

LEGGI L'ARTICOLO

La pioggia cade quasi incessatamente su Malindi. E’ una pioggia benedetta, attesa da...

LEGGI L'ARTICOLO

Non si fa chiamare “Father Mackenzie”, come il personaggio della celeberrima canzone dei Beatles “Eleonor...

LEGGI L'ARTICOLO

Mentre l’opinione pubblica keniota sembra già essersi dimenticata di uno degli episodi più...

LEGGI L'ARTICOLO

L’opposizione keniana ha deciso di cancellare la nuova giornata di protesta prevista per il mercoledì...

LEGGI L'ARTICOLO

Un palazzo nel centro di Malindi è collassato durante le forti piogge della notte.
Una struttura...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un aereo della compagnia di bandiera etiope Ethiopian Airlines, in volo da Addis Ababa a...

LEGGI L'ARTICOLO

Una rosa e un bicchiere di prosecco, per festeggiare la donna nella...

LEGGI L'ARTICOLO

Un singolare monumento naturale da cui si domina un paesaggio incantevole, in una zona poco frequentata ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

All'indomani del cessate il fuoco susseguente all'attacco...

LEGGI TUTTO

I morti ormai a Shakaola non si contano più. Lo stillicidio di dati funebri trasmessi con frequenza quasi...

LEGGI L'ARTICOLO

Il governo ha reinstaurato l'obbligo di indossare la mascherina in ambienti chiusi come misura di contenimento...

LEGGI L'ARTICOLO