Ultime notizie

STORIE

Malindi, prima destinazione cristiana del Kenya

Nel 1498 i portoghesi portarono il cristianesimo in modo amichevole

02-09-2020 di Freddie del Curatolo

Molti di coloro che conoscono la storia del Kenya sono convinti che il cristianesimo fu portato qui dai missionari tedeschi che aprirono la prima missione cattolica a Rabai, nell’entroterra di Mombasa nel 1846.
In realtà Gesù arrivò in maniera ancora più amichevole e meno didattica ben 350 anni prima sulle rive dell’Oceano Indiano. Il volto di Gesù apparve per la prima volta ai keniani disegnato su una delle vele delle tre caravelle dell’esploratore portoghese Vasco Da Gama, che approdò a Malindi il 14 aprile del 1498, come riportato dal diario scritto da uno dei suoi assistenti e tradotto dallo storico italiano Gianbattista Ramusio.
Il Dio cristiano arrivò nella cittadina mussulmana di Malindi accolto amichevolmente, perché a quel tempo Malindi era nemica di Mombasa e i portoghesi avevano combattuto due giorni prima una cruenta battaglia nella grande città, valutando l’ostilità della popolazione locale.
A Malindi invece Vasco Da Gama trovò alleati, tanto che quando ripartì alla volta delle Indie, lasciò due membri del suo equipaggio che per due mesi ne attesero il ritorno e nel frattempo intessero relazioni commerciali e raccontarono, tra l’altro, la storia di Gesù alla popolazione locale.
Da allora a Malindi la religione cristiana e quella mussulmana convivono in grande armonia ed è questo uno dei segreti dell’atmosfera di relax e pace che si sperimenta nella destinazione.
Visitando il pilastro di Vasco Da Gama difficilmente vi verrà raccontata questa storia, così come la vicina Cappella Portoghese, costruita cento anni dopo da Francesco Saverio, padre spirituale dei Gesuiti, è la testimonianza di come a Malindi il cristianesimo si fosse già radicato, senza alcuna ostilità. Quell’ostilità che Johan Ludwig Krapf e Johannes Rebmann invece trovarono a Mombasa e per cui dovettero stabilirsi nell’entroterra, a Rabai dove nacque la prima missione cattolica in Kenya, circa mezzo secolo prima che i preti italiani della Consolata arrivassero alle pendici del Monte Kenya.
Molte destinazioni turistiche del Paese hanno tante storie da raccontare, Malindi in particolare ha la storia dalla sua parte e soprattutto può essere anche considerata l’unica vera meta di pellegrinaggio  e la “patria” del cristianesimo in Kenya e in tutto l’Est Africa.  
 

TAGS: cristianesimo kenyaportoghesi malindireligione kenyakenya christianity

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Il Canto del Kenya di oggi, venerdì 18 dicembre, è una nenia modulata e sommessa che arriva da ...

LUCI E OMBRE DELLA CITTA' ANTICA - Leggi la striscia del Direttore

"Se arrivano io sono pronto, li affronterò a petto nudo".
Questo mi aveva detto qualche settimana fa Mzee Katana Kalulu, l'ultimo dei Gohu, dei ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un'antica leggenda swahili racconta che prima dell'arrivo dei portoghesi, gli indigeni della costa keniana non mangiassero l'avocado ma ne utilizzassero solamente l'olio, perché non lo consideravano né frutta né verdura.
Quando i...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Genova come Mombasa? Non è una provocazione e nemmeno una similitudine troppo azzardata, specie se...

LEGGI L'ARTICOLO

La presenza portoghese a Malindi iniziò con l’arrivo di Vasco de Gama nel 1498. E’ noto che la cappella fu costruita alla fine del XV secolo. E’ piuttosto sorprendente che le autorità di un’antica città islamica autorizzassero la costruzione di...

LEGGI TUTTO

Grazie anche alla consulenza di Malindikenya.net, il progetto di fortificazione per salvare le rocce del ...

LEGGI L'ARTICOLO

Le sei Contee della Costa del Kenya da oggi si promuoveranno sotto un unico marchio, con un...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Canto del Kenya per la vigilia di Natale è dedicato all’albero.
Uno...

L'ALBERO DEL NATALE DI SEMPRE - Leggi la striscia quotidiana del Direttore

Premetto che questo è un portale d'informazione a sfondo turistico che racconta un luogo, una comunità e al limite un modo di vivere.
Ma quando vicende internazionali "forti" toccano tutti, certi paragoni con la realtà keniana non possono essere evitati.LEGGI TUTTO

Il sospetto che farlo proprio adesso possa essere una mossa elettorale che sposta una piccolissima percentuale di voti, sorge spontaneo.
Sta di fatto che ciò che tanti cittadini kenioti di origine indiana, pakistana e del Bangladesh chiedevano da tempo e che...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un altro film sull’omosessualità crea scompiglio nei puritani vertici della censura keniana e si...

LEGGI L'ARTICOLO

Kenya, dove la ricchezza non conta e ci si fida solo dei propri famigliari.
Da un sondaggio effettuato da Twaweza e pubblicato da “La voce del Popolo” nell’edizione domenicale del quotidiano The Standard, appare che il 73% della popolazione meno...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Me ne resto qui.
È da così tanto tempo che sono in...

LEGGI L'ARTICOLO

Quando il cantautore emiliano Francesco Guccini, nel 1967, affidò ai Nomadi la sua canzone “Dio...

GUARDA IL VIDEO DELLA CANZONE

Il Covid-19 non è uno scherzo in Kenya e la riapertura, per quanto rappresenti una boccata...

LEGGI L'ARTICOLO

Avevamo già lanciato l’allarme tempo fa, ma ora la situazione si fa davvero pesante: il pilastro di ...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO