Libri sul Kenya

LIBRI

Il cielo di Luciana, tra Maremma e savana

L'autobiografia della "Power Ranger" italiana in Kenya

19-06-2021 di Freddie del Curatolo

Una vita schietta, presa spesso di muso, allegra, energica e poco incline al conformismo e all’omologazione, ma allo stesso tempo legata ai grandi valori che non tradiscono mai: i genitori, gli amici, la propria terra.
Nel caso di Luciana Franci, volto e sorriso ben conosciuto tra gli italiani in Kenya, le terre sono due: quella d’origine, la Maremma laziale e quella d’adozione, il Kenya.
Ad unire questi due mondi e le due vite (aspettandone almeno una terza...), ci hanno pensato il carattere, la passione, il non smettere mai di sapersi sorprendere ed emozionare e quel “Cielo che c’è”.
“Power Ranger” come viene chiamata a Malindi, si è fatta apprezzare da tutti come guida safari professionale e disponibile a lavorare con tutte le strutture alberghiere, i privati e le agenzie.
Già, perché Luciana, all’alba dei cinquantacinque anni, sta affrontando il safari più impegnativo e bastardo che esista.
Ma chi la conosce può immaginare che non si sia tirata indietro neanche un minuto e anzi, ha deciso di riempire il vuoto e l’attesa di giornate lontano dalla “sua” savana, riavvolgendo come una pellicola che sa di buono, del pane che la famiglia Franci sforna da sempre a Tuscania, tutta la sua vita fino all’approdo in Kenya.
“Che cielo che c’è” è un’autobiografia scritta col cuore e raccontata al lettore come fosse un nuovo compagno di viaggio seduto sul suo fuoristrada su una pista rossa dello Tsavo.
Tra le righe e i capitoli che narrano di un’infanzia rurale e genuina, dell’adolescenza inquieta, di viaggi e tante amicizie forti, di un matrimonio lasciato alle spalle e di un figlio lontano ma vicino, di avventure africane fino alla malattia vissuta senza la minima autocommiserazione, sembra di sentire la sua risata fragorosa, una sorridente imprecazione, un nuovo aneddoto d’Africa, una barzelletta o una storia popolare della Maremma laziale ritrovata chissaddove.
“La savana ti accoglie con i suoi colori, i suoi profumi e i suoni degli animali che la abitano – scrive nel libro – La notte è un momento magico, che incarna tutta la poesia di un luogo così speciale. Il fuoco che scoppietta fuori la mia tenda, il caldo delle sue fiamme, il fumo che piano piano si leva in morbide spirali verso il cielo notturno, come un grande tetto sopra la mia testa. Le luci luminose delle stelle ad illuminare l’oscurità, lontane da quelle di casa ma che, alla fine, sono le stesse che guardano gli amici lontani, ma vicini nel cuore. La mia sigaretta in mano, che brucia lentamente, mentre i pensieri entrano nella mia testa. Mentre lascio lo sguardo vagare nel cielo notturno, mi ritrovo a pensare e ripensare a come, dalla mia terra natale, io nel continente africano ci sia finita per davvero”.
Questa è Luciana Franci, prendere o lasciare: al centro della scena c’è una persona autentica sotto qualsiasi cielo e qualsiasi bizza del destino.  
Non ci stupisce che la fondatrice di “Passione Africa” abbia deciso, con questo libro, di aiutare uno dei progetti che ci stanno più a cuore e di cui si sta occupando Karibuni Onlus, la protezione degli anziani mijikenda minacciati dalle nuove generazioni che li uccidono accusandoli di stregoneria, con l’intento di impossessarsi dei loro terreni. Se si acquista “Che cielo che c’è” (Europa Edizioni, collana Chronos, € 20) direttamente dall’autrice, parte del ricavato andrà al progetto di Karibuni di costruire case tradizionali decenti per queste persone che hanno dovuto lasciare i loro villaggi e vivono come sfollati in tende da campo. Questi i dati per il bonifico: Intestatario: FRANCI LUCIANA Banca: BANCO BPM - IBAN: IT71P0503403288000000005280 - BIC/SWIFT: BAPPIT21G81
Aggiungere i propri con l’indirizzo di spedizione nella causale.

TAGS: autobiografia kenyastorie kenyaitaliani kenyaguida kenyalibri kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

https://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Dal 2008 raccogliamo, dopo averli letti e recensiti, i libri sul Kenya e sull’Africa che più ci sono...

LEGGI LA CLASSIFICA

Si chiama "Patrimonio Italiano Tv" ed è una televisione online che si connette con tutti i Paesi del mondo in cui ci siano connazionali di cui vale la pena raccontare le storie.
Il suo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Può la storia degli italiani in Kenya essere racchiusa in una serata di racconti e canzoni?
L'unico che forse può provarci è Freddie del Curatolo, scrittore performer e direttore del portale malindikenya.net, con la preziosa collaborazione del Maestro Marco "Sbringo"...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

I keniani che vivono da tempo in Italia possono raccontare storie positive di immigrazione.
Nessuno di loro è mai arrivato da clandestino, nessuno ha dovuto sopportare l'onta di natanti colabrodo, le angherie di mafiosi e men che meno la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si chiamano "Tinga Tinga Tales" e sono delle bellissime storie animate per ragazzi create da una società di animazione digitale di Nairobi e ideate e prodotte da una sceneggiatrice britannica innamorata dell'Africa, Claudia Lloyd.
Vanno in...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La vocazione sociale della scuola di chitarra Pro Guitar Academy di Malindi è sempre più evidente.
Oltre ad organizzare seminari e concerti (il prossimo, in...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un documentario sugli italiani in Kenya. E' l'idea, appoggiata dall'Istituto Italiano di Cultura di Nairobi, del regista italiano Giampaolo Montesanto.
Montesanto ha da poco ultimato e messo in circolazione un lungometraggio simile, sui nostri connazionali in Eritrea ed è pronto...

LEGGI TUTTO

Pubblichiamo tutte le tariffe delle contravvenzioni stradali che è già possibile pagare in Kenya tramite il servizio Mpesa via cellulare, al momento della flagranza di reato.
Non sarà più necessario recarsi in Corte, come previsto dal precedente regolamento, ma sarà possibile...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sarà proiettato in anteprima a Malindi martedì 7 novembre il documentario del regista Giampaolo Montesanto "Italiani in Kenya".
La proiezione andrà in scena alle...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Emanuele Ortu viene da Iglesias, in Sardegna. Ha solo sette anni ma una passione incredibile per i serpenti, che...

LEGGI L'ARTICOLO

"La mia lotta per salvare i tesori naturali africani". 
Questo l'eloquente sottotitolo di un'autobiografia ....

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Entro il 31 dicembre tutti i cittadini e residenti kenioti, e anche i villeggianti stranieri che hanno la patente keniota, dovranno registrarla online sul sito di ecitizen. Altrimenti la patente di guida non sarà più considerata valida e bisognerà fare...

LEGGI TUTTO

Da un’iniziativa dell’esperto Sergio Peroni, assiduo frequentatore di Malindi e soprattutto da...

LEGGI L'ARTICOLO

Jambo!
Mi presento: sono il creatore e direttore del portale in cui vi siete imbattuti. 
Per chi non mi conoscesse, questo potrebbe bastare. 
Amo l'Africa, il Kenya e Malindi e a loro devo moltissimo.
Ma mi piace anche osservare le...